Carciofo spinoso di Sardegna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carciofo spinoso di Sardegna
Logo Carciofo spinoso di Sardegna DOP.JPG
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneSardegna
Dettagli
Categoriaortofrutticolo
RiconoscimentoD.O.P.
SettoreOrtofrutticoli e cereali
Consorzio di tutelaSardegna Agricultura
ProvvedimentoReg. CE n. n.94/2011 del 3.02.2011, pubblicato sulla GUCE L 30/21 del 4/02/2011

Il carciofo spinoso di Sardegna è un prodotto ortofrutticolo che designa l'ecotipo locale «spinoso sardo» della specie Cynara scolymus coltivato e condizionato in diversi comuni di tutte le province della regione Sardegna.

Nel febbraio 2011, a livello europeo, al carciofo spinoso di Sardegna è stato riconosciuto il marchio denominazione di origine protetta (DOP)[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Ha un capolino conico allungato di colore verde, con ampie sfumature violetto-brunastre, con spine di colore giallo nelle brattee e la struttura del gambo è poco fibrosa e tenera. Suo profumo è intenso e floreale e sua consistenza è tenera e croccante. Il gusto è corposo con equilibrata sintesi di amarognolo e dolciastro.

Cucina[modifica | modifica wikitesto]

I carciofi spinosi di Sardegna sono ottimi crudi in pinzimonio o in insalata (eliminando le foglie esterne), ma anche cotti con l'agnello o la bottarga oppure grigliati.

Carciofo con spine evidenti

Altri carciofi con marchio europeo[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]