Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Capo dell'Armi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Capo dell'Armi (o Capo d'Armi) è un promontorio sito a Lazzaro, frazione di Motta San Giovanni, in provincia di Reggio Calabria. Costituisce il limite sud-orientale dello Stretto di Messina.

Morfologia del territorio[modifica | modifica wikitesto]

Una rupe rocciosa che si eleva sul mar Jonio caratterizza il territorio, la cui aspra morfologia è in netto contrasto con quella più dolce del territorio adiacente.

Vista dal mare degli scogli di Capo dell'Armi

La rupe si erge ripida dalle acque del mare fino a superare i 134 m s.l.m. con una parete a strapiombo, la cui unica soluzione di continuità è costituita dalla Strada statale 106 Jonica, scavata proprio all'interno della roccia.

Caratteristica peculiare del promontorio roccioso sono le sue cave di pietra reggina (nota anche come pietra di Lazzàro).

Sulla scogliera sorge il faro che sancisce il limite sud-orientale dello Stretto di Messina e rappresenta la prima luce all'ingresso del Canale di Sicilia[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

In epoca greca il promontorio di Capo dell'Armi veniva chiamato Leukopetra Akroterion (in greco Λευκοπέτρα ἀκρωτήριον), cioè: promontorio di pietra bianca. In epoca romana era chiamato Leucopetra Promontorium[2]. Scrisse il geografo greco Strabone:

Vista dal mare della S.S. 106, che passa dal Capo dell'Armi
« Chi naviga da Rhegion verso levante per una distanza di 50 stadi (9 km), trova quel promontorio che dal colore chiamano Leucopetra, col quale, dicono, finiscono gli Appennini. »
(Strabone, Geografia, VI, 1, 7)

Il promontorio è archeologicamente rilevante grazie al rinvenimento di numerose tracce della presenza dei primi cristiani[3]. Nella zona di Capo dell'Armi vennero rinvenute: una iscrizione sepolcrale della Lettera ai Romani (8,31) di San Paolo, di età protocristiana[2][3]; un mattone con graffito cristiano[4]; un corredo di oreficeria[2][5]; una necropoli protocristiana[2][5]. Verso la fine del XIX secolo (comunque prima del 1882) a Capo dell'Armi furono ritrovate quattro ghiande missili[6] testimonianza dell'attività condotta da Quinto Salvidieno Rufo Salvio nello Stretto di Messina, in occasione della guerra navale fra Ottaviano e Sesto Pompeo del 42 a.C.[4].

Nei pressi di Capo dell'Armi vennero anche alla luce i resti di una villa romana appartenuta probabilmente al patrizio Publio Valerio e menzionata anche da Cicerone[7]. Fu ritrovata anche una stele con inscrizioni latine di epoca imperiale[2].

Durante la seconda guerra mondiale, nella zona prospiciente il Capo dell'Armi affondarono tre navi italiane[8]. Esse erano: la Dalmatia (affondata il 25 gennaio 1942 dal sommergibile inglese Ultimatum); la Laura (affondata il 3 luglio 1941 dal sommergibile inglese Upholder); la Ninetto (affondata il 5 aprile 1942 dal sommergibile inglese Una).

Il faro[modifica | modifica wikitesto]

Il faro fotografato da sud.
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Faro di Capo dell'Armi.

Attivato nel 1867 e rinnovato nel 1959, il faro di Capo dell'Armi è costituito da una torre bianca ottagonale su un fabbricato a 2 piani. La lanterna del faro è costituita da lenti di Fresnel le quali ruotano intorno ad una lampada di 1000 watt[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b A.R.I. - Faro di Capo dell'Armi, ari.rc.it. URL consultato il 07-10-2009.
  2. ^ a b c d e Curinga-in.it - Informazioni storico archeologiche su Capo dell'Armi, curinga-in.it. URL consultato il 07-10-2009.
  3. ^ a b Touring club italiano, Calabria: dal Pollino all'Aspromonte le spiagge dei due mari le città, i borghi arroccati, Touring Editore, 1999, p.158.
  4. ^ a b Francesca Martorano, Santo Niceto nella Calabria medievale: storia, architettura, tecniche edilizie, L'Erma di Bretschneider, 2002, p.33.
  5. ^ a b Touring club italiano, Basilicata Calabria, Volume 21 di Guida d'Italia del T.C.I, Touring Editore, 1980, p.602.
  6. ^ La ghianda missile (in latino: glans plumbea) era un proiettile di piombo della lunghezza di circa 4 cm che veniva scagliato dai frombolieri (in latino: funditores) tramite l'utilizzo di una fionda in cuoio. Per maggiori informazioni e foto, consultare: Historia Militaris Romae
  7. ^ Scrive Cicerone:
    « Cum autem me ex Sicilia ad Leucopetram , quod est promontorium agri Regini, venti detulissent, ab eo loco conscendi, ut transmitterem, nec ita multum provectus, reiectus austro sum in eum ipsum locum, unde conscenderam. Cumque intempesta nox esset mansissemque in villa P.Valeri, comitis et familiaris mei, postridieque apud eundem ventum exspectans manerem, municipes Regini complures ad me venerunt, ex iis quidam Roma recentes »
    (Cicerone, Filippiche, I, 8)
  8. ^ Database delle unità della Regia Marina perdute nel corso della seconda guerra mondiale, trentoincina.it. URL consultato il 7 ottobre 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Alcune foto del faro di Capo dell'Armi tratte dal sito dell'Associazione Radioamatori Italiani