Campbell Dodgson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Campbell Dodgson (Crayford, 13 agosto 1867Londra, 11 luglio 1948) è stato uno scrittore e storico dell'arte inglese, noto principalmente come studioso di stampe e per essere stato Conservatore del Dipartimento stampe e disegni del British Museum.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Lontano partente di Lewis Carroll (al secolo Charles Lutwidge Dodgson), studiò Teologia al New College di Oxford, ma decise in seguito di rinunciare all'ordinazione, probabilmente a causa della sua omosessualità[1]. Amico di Oscar Wilde e del suo partner Alfred Douglas[2][3], si sposò nel 1913 con Catharine Spooner, pittrice e figlia di William Archibald Spooner[4], mentre nel 1929 una sua nipote sposò il pittore e storico dell'arte James Byam Shaw[1]. Era inoltre zio di John Dodgson, anch'egli pittore[5].

Carriera ed incarichi[modifica | modifica wikitesto]

Entrò nel Dipartimento stampe e disegni del British Museum nel 1893, allora guidato da Sidney Colvin, dove assunse come assistente il poeta Laurence Binyon e dove poté specializzarsi nello studio dell'arte tedesca e nord-europea. Nel 1898 fu cofondatore delle pubblicazioni della Dürer Society, mentre nel 1912 succedette a Colvin nel ruolo di Conservatore del Dipartimento. Durante la Prima guerra mondiale fu traduttore dall'inglese al tedesco per il Governo; nel frattempo, riuscì a mandare avanti il Dipartimento nonostante l'assenza di gran parte dei dipendenti causata dal conflitto. Nel 1932 gli succedette al Dipartimento proprio Shaw. Grande collezionista di stampe, non avendo eredi donò al Museo la sua raccolta, oltre ad una somma di circa 2000 sterline per l'acquisto di un Ritratto di donna tirolese di Albrecht Dürer[1][6][7].

Principali pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Oltre ad alcuni contributi al Dictionary of National Biography, ai periodici The Print Collector's Quarterly e The Burlington Magazine, fu il principale traduttore dal tedesco del popolarissimo Künstlermonographien edito da Velhagen & Klasing[1][6].

Tuttavia, l'opera che lo rese più celebre e lo affermò come uno dei più competenti studiosi del settore fu Catalogue of early German and Flemish woodcuts preserved in the Department of Prints and Drawings in the British Museum, Londra (1903), in due volumi[7].

Dal 1936 al 1938 fu autore dei saggi introduttivi ai volumi annuali di Fine prints of the year.

Altre sue pubblicazioni furono:

  • The etchings of Charles Meryon, Londra, The Studio, 1921.
  • The etchings of James McNeill Whistler, Londra, The Studio, 1922.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Dodgson fu insignito di alcune importanti onorificenze, sia britanniche che straniere: venne infatti nominato Commander dell'Ordine dell'Impero Britannico, Officer della Legion d'onore francese e Commandeur dell'Ordine della Corona belga[6].

Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico
Ufficiale della Legion d'onore - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale della Legion d'onore
Commendatore dell'Ordine della Corona belga - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Corona belga

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Dodgson, Campbell su http://www.dictionaryofarthistorians.org/. URL consultato l'11 luglio 2014.
  2. ^ (EN) Neil McKenna, The secret life Of Oscar Wilde, Arrow Books, 2004, pp. 286-287, ISBN 9780099415459.
  3. ^ (EN) Barbara Belford, Oscar Wilde: a certain genius, Random House, 2000, ISBN 978-0-307-79537-3.
  4. ^ (EN) Cathy Hartley (a cura di), Historical dictionary of British women, Routledge, 2003, p. 285.
  5. ^ (EN) John Dodgson 1890–1969 su http://www.tate.org.uk/. URL consultato il 12 luglio 2014.
  6. ^ a b c (EN) Dr. Campbell Dodgson dies in England at 80 in The Montreal Gazette, 24 luglio 1948. URL consultato il 12 luglio 2014.
  7. ^ a b (EN) History of the collection su https://www.britishmuseum.org. URL consultato il 12 luglio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 37054187 · LCCN: n81104009 · GND: 11615215X · BNF: cb131666363 (data)