Busa del Pomar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 46°07′06.23″N 11°07′36.13″E / 46.118398°N 11.126702°E46.118398; 11.126702 La Busa del Pomar è un'antica miniera d'argento che si trova in Trentino.

È una delle principali miniere (localmente chiamate canope) che fanno parte dell'antico complesso minerario argentifero del Monte Calisio.

Ubicazione e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

La miniera è situata a circa 600 metri d'altezza e si trova a 1 km circa dall'abitato di Gardolo di Mezzo, nei pressi dei Masi Saracini e in prossimità del tracciato della via Claudia Augusta.

La miniera presenta tre ingressi due dei quali sono collegati tra di loro (l'ingresso inferiore e l'ingresso centrale) e proseguono con un notevole sviluppo di cunicoli, spesso instabili e percorribili con difficoltà. Il terzo ingresso, al contrario dei precedenti, non prosegue in profondità ma si ferma quasi subito.

Geologia e materiale estratto[modifica | modifica wikitesto]

Il giacimento è di natura sedimentaria e in particolare si colloca all'interno dell'ultimo strato dei calcari della Formazione a Bellerophon.

Il minerale estratto era costituito da galena contenente percentuali significativamente alte di argento.

All'interno della miniera sono tuttora osservabili piccoli filoni di barite.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gruppo Grotte Gardolo, Esplorazione della ex miniera Busa del Pomar, "Natura Alpina", 25 (1974), n. 2, pp. 118–126

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]