Bruciature di sigaretta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bruciatura di sigaretta

Con l'espressione bruciatura di sigaretta, nella terminologia cinematografica, si indicano i segni, presenti nella parte superiore destra di un fotogramma, che segnalano la fine di un rullo di pellicola. Nel linguaggio tecnico sono "Bollini di sincronizzazione".

I proiettori cosiddetti verticali utilizzano soprattutto rulli di pellicola da 10 minuti, i proiettori cosiddetti orizzontali possono contenere tutto un film in un unico rullo. L'uso di questo "segnale visivo" (bollini di forma circolare disposti in alto a destra del quadro per almeno 4 fotogrammi) è dovuto al fatto che un film distribuito in pellicola cinematografica è diviso in vari rulli di varia durata, mediamente 13—16 minuti che possono essere montati in due o più bobine (primo tempo, secondo tempo, ecc.) o proiettati singolarmente sincronizzando opportunamente le macchine da proiezione. Utilizzando, in questo caso, la "proiezione a rulli" le coppie di proiettori proiettano alternativamente le varie parti che però devono essere cronologicamente sincronizzate tra di loro, ovvero finito il rullo in una macchina immediatamente deve iniziare il successivo nell'altra, il proiezionista provvederà al caricamento del rullo successivo nella macchina appena fermata. I bollini avvisano quindi il proiezionista, a fianco alla macchina pronta per la proiezione, di avviarla. Ogni rullo inizia con una coda di sincronizzazione che parte dallo Start con poi conto alla rovescia fino al 3 ed inizio della scena. I primi bollini appariranno prima che finisca il rullo alla distanza che c'è proprio tra Start e l'inizio scena, mentre i secondi a circa un secondo prima, in questo modo quando il proiezionista vede i primi bollini avvia il proiettore che intanto arriva a regime di velocità passando la coda di sincronizzazione (a luce otturata) e nel momento in cui vede i secondi permette allora la proiezione in sala, il primo proiettore non proietta più immagini. Se l'operazione è eseguita correttamente lo spettatore in sala non si accorge del cambio scena. Se una copia da proiettarsi in questo modo non recava i bollini il proiezionista provvedeva manualmente al disegno dei bollini, con una matita a cera o inchiostro o altrimenti raschiando la gelatina (metodo alquanto più invasivo e sconsigliato) alle altezze giuste per la sincronizzazione delle macchine.

Grazie all'adozione di proiettori automatizzati (o semi-automatizzati), le bruciature di sigaretta sono sostituite da altri segnali, non invasivi per lo spettatore.

Il regista statunitense John Carpenter ha utilizzato questa espressione come titolo del suo episodio della prima stagione della serie televisiva Masters of Horror, Cigarette Burns - Incubo mortale (2005). Le bruciature di sigaretta erano al centro di un episodio della serie di telefilm Il Tenente Colombo. Sono facilmente visibili anche nella fine degli episodi del cortometraggio animato Tom & Jerry.

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema