Bridget Jones (personaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bridget Jones
Bridget Jones 2016.jpg
Bridget Jones interpretata da Renée Zellweger nel film Bridget Jones's Baby
UniversoIl diario di Bridget Jones
Lingua orig.Inglese
AutoreHelen Fielding
Interpretata daRenée Zellweger (Il diario di Bridget Jones, Che pasticcio, Bridget Jones!, Bridget Jones's Baby)
SessoFemmina
Luogo di nascitaLondra

Bridget Jones è la protagonista della serie di romanzi Il diario di Bridget Jones scritto da Helen Fielding e interpretata nei film da Renée Zellweger.

Casting[modifica | modifica wikitesto]

All’annuncio del casting del personaggio, è sorta una polemica riguardo al fatto che l’attrice, a differenza di Bridget, non fosse britannica. Tuttavia la Zellweger è stata in seguito lodata da critica e pubblico per il suo accento e la sua goffaggine perfetti, ricevendo anche una candidatura al premio Oscar.[1][2]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2016 Woman's Hour ha incluso il personaggio tra le sette figure femminili ad aver avuto il maggior impatto sulle donne degli ultimi 70 anni.[3] È considerata un'icona della cultura britannica; dopo gli adattamenti cinematografici, è entrata ufficialmente nella cultura di massa e nell'immaginario collettivo.[4][5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bridget Jones's dialect coach: how Renée Zellweger learnt to speak with an English accent, su www.telegraph.co.uk. URL consultato l'11 aprile 2020.
  2. ^ (EN) The Bridget Jones Backlash: Remembering Renée Zellweger's Controversial Casting as the British Heroine, su www.yahoo.com. URL consultato l'11 aprile 2020.
  3. ^ (EN) Who has topped Woman's Hour Power List?, in BBC News, 14 dicembre 2016. URL consultato l'11 aprile 2020.
  4. ^ (EN) Bridget Jones: woman of substance, top news producer, millennial icon, su The Economist. URL consultato l'11 aprile 2020.
  5. ^ Bridget Jones: how to turn a female character into half a billion dollars | Bridget Jones's Baby | The Guardian, su amp.theguardian.com. URL consultato l'11 aprile 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN313494045 · LCCN (ENnb2015002046 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2015002046