Brian Blade

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brian Blade
Brian Blade 2008.jpg
Brian Blade nel 2008
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereJazz
Periodo di attività musicale1988 – in attività
Strumentobatteria
Sito ufficiale
Brian Blade al INNtöne Jazzfestival, 2006

Brian Blade (Shreveport, 25 luglio 1970) è un batterista jazz statunitense. Rinomato session man, è anche compositore e cantautore.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Brady L. Blade, pastore di Shreveport per 22 anni,[1] ha i primi contatti con la musica tramite il gospel. All'età di nove anni inizia lo studio del violino che però lascia in favore della batteria[1] influenzato dal fratello maggiore Brady Blade, Jr., anch'egli batterista. Fu allievo di Dorsey Summerfield, Jr. durante le high school, periodo nel quale inizia ad ascoltare e ad appassionarsi al jazz. Arrivato ai 18 anni, Blade si trasferisce a New Orleans per studiare alla Loyola University,[1] e nel periodo che va dal 1988 al 1993 studia e suona con alcuni tra i maggior musicisti operanti a New Orleans, tra i quali Ellis Marsalis e Harold Battiste. Il suo nome è legato alla lunga collaborazione con Joshua Redman oltre che con altri musicisti di fama internazionale dal calibro di Wayne Shorter (è membro stabile del suo quartetto dal 2000), Herbie Hancock, Kenny Garrett, John Patitucci, Joni Mitchell e, al di fuori del panorama jazz, Bob Dylan.[1] Come leader, dal 1997 è attivo con i The Fellowship Band (Jon Cowherd, pianoforte, Myron Walden e Melvin Butler, sassofoni, Chris Thomas, contrabbasso, Kurt Rosenwinkel, chitarra)[2] con i quali ha pubblicato 4 album, mentre nel 2009 pubblica il suo primo lavoro discografico come cantautore dal titolo Mama Rosa.

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

  • Brian Blade Fellowship (Blue Note, 1998)
  • Perceptual (Blue Note, 2000)
  • Season of Changes (Verve, 2008)
  • Mama Rosa (Verve Forecast, 2009)
  • Landmarks (2013)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Biografia, su oldies.com. URL consultato il 4 novembre 2013.
  2. ^ (EN) The fellowship, su examiner.com. URL consultato il 4 novembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85535082 · ISNI (EN0000 0001 1494 7084 · LCCN (ENn96013818 · GND (DE134945573 · BNF (FRcb139791001 (data)