Bozen-Meraner Bahn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
k.k. priv. Bozen–Meraner Bahn
StatoAustria Austria
Forma societariasocietà per azioni
Fondazione1882
Chiusura?
Sede principaleVienna
Prodottitrasporto ferroviario

La kaiserlich-königliche privilegierte Bozen–Meraner Bahn (BMB) era una società ferroviaria privata della Monarchia austro-ungarica esercente la linea ferroviaria Bolzano–Merano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1881 la società iniziò l'esercizio della linea attivata il 5 ottobre 1881[1]. La modesta dotazione di rotabili comprendeva inizialmente tre locotender a tre assi accoppiati e una, a due assi accoppiati, acquistata usata oltre ad un piccolo numero di carri e carrozze. Tra 1891 e 1905 vennero acquistate ulteriori cinque macchine e nuove carrozze passeggeri in ragione dell'aumento di traffico[2].

Dal 1º luglio 1906 l'esercizio della linea venne assunto dallo stato kkStB e nello stesso frangente venne attivato il proseguimento della ferrovia fino a Malles. Le locomotive vennero rimarcate e inserite nei gruppi, kkStB 294 (le ex-BMB 1-2 e 5-10) e kkStB 397 (la ex-BMB 3). Venne anche aumentata la dotazione di locomotive immettendo nel parco 7 locotender kkStB 178 a quattro assi accoppiati[3]. A causa di un incidente ferroviario avvenuto a Coldrano il 23 luglio 1906 la kkStB 178.31 venne riparata ma trasferita in Boemia riducendo a sei unità il contingente di locomotive del gruppo[4].

Materiale rotabile[modifica | modifica wikitesto]

Locomotive a vapore
Numerazione Anno Costruttore Rodiggio Note
1–2I 1881 Krauss C cedute nel 1882 alla ÖLEG
1–2II 1882 Krauss C
3 1881 Wiener Neustadt C
4 1873  ? B ex Etsch-Regulierung
5–10 1891...1905 Krauss C

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Andrea Canale, Locomotive e automotrici. Dalla "Meran" ai GTW, in Il treno in Val Venosta, Salò, ETR, 2005. ISSN 0392-4602

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]