Bogdan III cel Orb

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bogdan III cel Orb
Bogdan III.jpg
Vovoida di Moldavia
Stemma
In carica 1504-1517
Nascita Huși, 1471
Morte Huși, 20 aprile 1517
Luogo di sepoltura Monastero di Putna
Dinastia Mușatini
Padre Ștefan cel Mare
Madre Maria Voichița
Coniuge Elisabetta Jagelonna
Bogdan III cel Orb, Ștefan cel Mare e Petru Rareș

Bogdan III cel Orb (Huși, 147120 aprile 1517) fu voivoda (principe) di Moldavia dal 2 luglio 1504 al 20 aprile 1517. Figlio di Ştefan cel Mare e di Maria Voichiţa, fu l'unico erede legittimo che sopravvisse al genitore. Venne sepolto nel Monastero di Putna come suo padre.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Bogdan l'Orbo ("cel Orb") successe al padre alla morte di questi (1504). Corteggiò ripetutamente Elisabetta Jagellona, sorella di Alessandro Jagellone di Polonia, ma ne ottenne la mano solo nel 1506, dopo i primordi di un conflitto tra Moldavia e Polonia e la promessa di garantire libertà religiosa alla Chiesa cattolica romana. Morto Alessandro, Bogdan entrò però rapidamente in conflitto con il nuovo sovrano polacco, Sigismondo I di Polonia, che lo sconfisse pesantemente sulle rive del Dniester nell'ottobre del 1509; il conflitto venne chiuso da un trattato il 17 gennaio successivo.

A partire dal 1510, per un biennio il regno di Bogdan venne assalito dai Tartari, fino a che il voivoda non riuscì a sconfiggerli nel maggio del 1512, anche grazie a rinforzi polacchi. Il costante spauracchio di una nuova massiccia invasione tartara spinse però Bogdan a cercare la protezione del sultano dell'Impero ottomano, Selim I. Bogdan si impegnò a comandare una forza di 4.000 uomini agli ordini del sultano in caso di guerra e accettò di pagare annualmente alla Sublime Porta un tributo di 4.000 monete d'oro, 40 cavalli e 40 falconi; in cambio, il voivoda, pur sottomesso ai turchi, mantenne una certa autonomia politica.

Bogdan aveva perso un occhio durante una delle numerose battaglie combattute. Il voivoda ebbe tre mogli: Stana, Nastasia e Ruxandra; quest'ultima era figlia del voivoda di Valacchia Mihnea cel Rău.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Constantin C. Giurescu e Dinu C. Giurescu, Istoria Romanilor: volume II (1352-1606), Bucarest, 1976, pp. 262-265.
  • Nicolas Iorga, Histoire des Roumains: Volume IV, les chevaliers, Bucarest, 1937.
  • Grigore Ureche, Chronique de Moldavie traduite et annotée par Emile Picot, Parigi, 1879, pp. 221-257.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN296324069