Biosphere (musicista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Biosphere
Jenssen cracow.jpg
NazionalitàNorvegia Norvegia
GenereAmbient techno
Ambient house
Chillout
Periodo di attività musicale1983 – in attività
Album pubblicati13
Studio11
Live1
Sito ufficiale

Biosphere, nome d'arte principale di Geir Jenssen (Tromsø, 30 maggio 1962), è un musicista norvegese di musica elettronica e ambient.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

1983-1990: i primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1983 comprò il suo primo sintetizzatore e compose le sue primissime tracce, ispirandosi ai propri studi archeologici e ad artisti quali Brian Eno, New Order, Depeche Mode e Wire che descrisse come "scoprire un nuovo universo — un universo di cui volevo fare parte"[1]. Nel 1984 pubblicò Linkvader, un album in cui è accreditato come E-man.

Nel 1985, Jenssen si unì al gruppo dream pop dei Bel Canto assieme a Nils Johansen e Anneli Drecker. In seguito al trasferimento della formazione in Belgio, Jennsen tornò presto nella sua città natale, Tromsø, proseguendo la propria carriera solista e collaborando tramite corrispondenza con gli altri membri del gruppo. Durante la propria carriera con i Bel Canto, Jennsen pubblicò due album, White-Out Conditions e Birds of Passage. Nel 1990 abbandonò la formazione ed iniziò a comporre musica usando il campionatore.

Durante la fine degli anni ottanta pubblicò alcuni brani e 12" a nome Bleep, prima di adoperare in modo definitivo il nome d'arte Biosphere. L'unico disco pubblicato come Bleep è The North Pole by Submarine (1990).

1991-oggi: Biosphere[modifica | modifica wikitesto]

In seguito alla pubblicazione di The North Pole by Submarine (1990), attribuito a Bleep, pubblicò il suo primo album con il nome d'arte Biosphere nel 1991. Si tratta di Microgravity, le cui sonorità si allontanavano dallo stile acid house delle produzioni precedenti. L'album ricevette giudizi perlopiù positivi da parte della critica.

Nel 1994 pubblicò Patashnik, che proseguì la sua ricerca nella musica ambient e contribuì ad aumentare la sua popolarità. Seguì la partecipazione a diverse compilation e raccolte.

Nel 1997 pubblicò il suo album Substrata, un album completamente "ambientale" e pubblicato dall'etichetta All Saints Records di Brian Eno. In seguito all'uscita di Cirque (2000), che riprendeva gli stilemi dei suoi primi album, pubblica Shenzhou (2002), un album astratto che si avvicina in stile a Selected Ambient Works Volume II (1994) di Aphex Twin. Il successivo Autor de la Lune, considerato il suo lavoro più austero e minimale, venne pubblicato nel 2004.

I suoi album seguenti furono Dropsonde (2006), Wireless: Live at the Arnolfini, Bristol (2009) il suo primo album dal vivo e N-Plants (2011), che riguarda il tema delle centrali nucleari in Giappone.

Nel 2012 ha pubblicato l'album L'incoronazione di Poppea (2012), che prende il titolo dall'omonima opera di Claudio Monteverdi.

Colonne sonore e collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Durante la propria carriera Jennsen ha pubblicato alcune colonne sonore quali quelle dei film L'uomo con la macchina da presa e Insomnia. Ha collaborato con Jah Wobble (Invaders of the Heart) e Bobby Bird e i suoi High Intelligence Agency. Nel 2010 ha realizzato le colonne sonore del film tedesco Im Schatten e del norvegese Nokas.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album solisti[modifica | modifica wikitesto]

E-man
  • Likvider (1984)
Bleep
  • The North Pole by Submarine (1990)
Biosphere
  • Microgravity (1991)
  • Patashnik (1994)
  • Substrata (1997)
  • Cirque (2000)
  • Substrata² (2001)
  • Shenzhou (2002)
  • Autour de la Lune (2004)
  • Dropsonde (2006)
  • Wireless: Live at the Arnolfini, Bristol (2009)
  • N-Plants (2011)
  • L'incoronazione di Poppea (2012)
Colonne sonore e altro

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Dave Thompson, Alternative Rock, pp. 197-198

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN120126192 · ISNI (EN0000 0003 5566 8481 · LCCN (ENno2005035541 · GND (DE13490642X · BNF (FRcb13975535t (data)