Biliverdina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Biliverdina
Biliverdin3.svg
Nomi alternativi
Biliverdina
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C33H34N4O6
Massa molecolare (u) 582,646
Numero CAS 114-25-0
PubChem 251
SMILES OC(=O)CCc4c(C)c(/C=C/1\NC(=O)C(\C)=C\1\C=C)nc4/C=C3\N=C(\C=C\2/NC(=O)C(/C=C)=C/2/C)/C(/C)=C3/CCC(O)=O e Cc1c(c([nH]c1/C=C2/C(=C(C(=O)N2)C=C)C)/C=C3/C(=C(C(=N3)/C=C4/C(=C(C(=O)N4)C)C=C)C)CCC(=O)O)CCC(=O)O
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante

attenzione

Frasi H 315 - 319 - 335
Consigli P 261 - 305+351+338 [1]

La biliverdina è un pigmento biliare di colore verde derivato dalla degradazione dell'eme ad opera dell'enzima eme ossigenasi. La biliverdina è un tetrapirrolo di formula bruta C33H34N4O6, abbastanza solubile in acqua.

Nell'organismo sano la biliverdina viene ridotta a bilirubina per opera della biliverdina reduttasi. Oltre che nell'urina, la biliverdina è anche presente nel succo biliare prodotto dal fegato, al quale conferisce la sua colorazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 12.12.2011