Bijaći

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bijaći
Santa Marta
Sarkofag, Bijaći, Kaštel Novi 018.jpg
L'area archeologica di Bijaći e il sarcofago principesco
Localizzazione
Stato Croazia Croazia
Comune Castelli
Mappa di localizzazione

Coordinate: 43°32′27″N 16°17′14″E / 43.540833°N 16.287222°E43.540833; 16.287222

Bijaći è una località del comune di Castelli, in Dalmazia, antica città croata capitale della Croazia Bianca di cui oggi i resti sono riemersi in un'importante area archeologica. In italiano la località è storicamente nota come Santa Marta.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La città fu fondata nel 100 da veterani e coloni romani con il nome di Siculi, a pochi chilometri da Salona, tra quest'ultima, la costa e la città di Trogirium (Traù). Nel 700 la città fu conquistata dai croati che le diedero il nome slavo attuale. Nel IX secolo fu costruita dal re Trpimir la basilica di Santa Marta.

Area archeologica[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente della città restano solo le rovine, fra cui le fondamenta della basilica di Santa Marta e la tomba di un principe croato non identificato. Fra i resti di quello che presumibilmente dovette essere un trono è stata rinvenuta una delle prime testimonianze dell'uso del termine "croati" nei balcani (CROATORUM), VIII secolo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]