Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Benjamin Tammuz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Benjamin Tammuz

Benjamin Tammuz (Charkiv, 11 luglio 1919Gerusalemme, 19 luglio 1989) è stato uno scrittore israeliano. Tammuz ha contribuito alla cultura del proprio Paese in diverse discipline come romanziere, giornalista, critico, pittore e scultore.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Benjamin Tammuz è nato in Unione Sovietica e all'età di cinque anni è emigrato con i genitori in Palestina. Ha frequentato la scuola Tachkemoni e il liceo ebraico Herzliya a Tel Aviv. Fin dalla tenera età si è dedicato alla scrittura, scultura e pittura. Ha sviluppato un forte interesse nei confronti della storia dell'arte, concretizzatosi con la laurea alla Sorbona di Parigi. Sempre in gioventù è stato un membro del movimento comunista e di quello Canaanita[1]. Più dei suoi insegnanti e amici fu l'artista Yitzhak Danziger a esercitare una significativa influenza su di lui[2].

Nel 1948 Tammuz lavora per il giornale Haaretz[3]. All'inizio scrisse per la rubrica “Uzi&Co.”, successivamente per il quotidiano Haaretz Shelanu. Dal 1965 ha scritto per il supplemento culturale e letterario del giornale come critico d'arte. Dal 1971 al 1975 ha prestato servizio come addetto culturale presso l'ambasciata israeliana a Londra e dal 1979 al 1984 è stato invitato come scrittore residente all'università di Oxford. Tammuz è autore di una decina di romanzi, cinque libri di storie brevi, due opere teatrali e otto libri per bambini. Ha ricevuto alcuni premi letterari tra cui il premio Za'ev nel 1972. Il suo romanzo Il minotauro, citato da Graham Greene[4], è stato scelto libro dell'anno in Inghilterra nel 1981[5]. Il suo lavoro è stato ampiamente pubblicato all'estero. Tammuz muore nel 1989 a Tel Aviv.

Opere pubblicate in Italia[modifica | modifica wikitesto]

  • ”Il frutteto”, E/O (1997)
  • Il minotauro”, E/O (1997)
  • ”Il re dormiva quattro volte al giorno”, E/O (1998)
  • ”Requiem per Naaman: cronaca di discorsi famigliari (1895-1974)”, E/O (1999)
  • ”Londra”, E/O (1999)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN115951635 · ISNI (EN0000 0000 8412 8589 · LCCN (ENn81147747 · GND (DE121240371 · BNF (FRcb119259824 (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie