Benedetto Pagni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Benedetto Pagni, conosciuto anche come Benedetto Pagni da Pescia (Pescia, 1503Mantova, 12 settembre 1578), è stato un pittore italiano, manierista della Scuola di Mantova, attivo nel XVI secolo soprattutto in Mantova e Pescia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Benedetto Pagni ha iniziato la sua formazione a Roma. Ha seguito Giulio Romano da Roma a Mantova[1]. Allievo di Giulio Romano, lo ha assistito quest'ultimo con Rinaldo Mantovano nella decorazione del Palazzo Te. Nel 1552 ricevette la commissione per una pala raffigurante i Santi Andrea, Giovanni Evangelista, Michele, Bartolomeo e Stefano, destinata all'altare delle Grazie del Duomo di Pisa. La pala, ora conservata presso i depositi della Soprintendenza di Pisa, fu sostituita nel 1556 da un'altra realizzata dal Bronzino[2]. Altresì dipinse un Martirio di San Lorenzo per la Basilica di Sant'Andrea a Mantova e una Nozze di Cana per la cattedrale di Pescia. Queste ultime due opere presentano attribuzioni problematiche e non sempre condivise negli studi più recenti sul pittore.[3].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Joseph Lavallée, Armand Charles Caraffe, Galerie du Musée Napoléon, Musée du Louvre, 1810.[1]
  2. ^ A. Nesi, Benedetto Pagni il Bronzino, e l'altare della Madonna delle Grazie nel Duomo di Pisa, 2012 pp. 31-44
  3. ^ Stefano L'Occaso, voce in Dizionario Biografico, 2014
  4. ^ Benedetto Pagni.
  5. ^ San Sebastiano.
  6. ^ Madonna dei Medici.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Maria Farquhar, Catalogo biografico dei pittori italiani principali, Ralph Nicholson Wornum, 1855 (ristampato). Woodfall & Kinder, Angelo Corte, Skinner Street, Londra, digitalizzati dalla Oxford University googlebooks 27 giugno, 2006), 117 p.Presentazione on line.
  • Alessandro Nesi, Benedetto Pagni, il Bronzino, e l'altare della Madonna delle Grazie nel Duomo di Pisa, in Arte Cristiana (Milano, Scuola Beato Angelico), nº 868, gennaio - febbraio 2012, pp. 31-44.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN62468088 · ISNI (EN0000 0003 9920 083X · ULAN (EN500027241 · WorldCat Identities (EN62468088