Ben Ainslie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ben Ainslie
Ben-Ainslie.jpg
Nazionalità Gran Bretagna Gran Bretagna
Peso 80 kg
Vela Sailing pictogram.svg
Categoria Finn
Palmarès
Olympic flag.svg Giochi Olimpici
Argento Atlanta 1996 laser
Oro Sydney 2000 laser
Oro Atene 2004 finn
Oro Pechino 2008 finn
Oro Londra 2012 finn
 

Sir Charles Benedict Ainslie (Macclesfield, 5 febbraio 1977) è un velista inglese.

Ha vinto quattro medaglie d'oro e una d'argento ai Giochi olimpici nelle categorie Laser e Finn. È quindi il velista più vincente della storia, l'unico velista ad aver vinto medaglie in cinque diverse edizioni dei Giochi olimpici, il terzo ad aver vinto cinque medaglie in questo sport (dopo Torben Grael e Robert Scheidt) e il secondo ad aver vinto quattro medaglie d'oro (dopo Paul Elvstrøm). Ha anche partecipato a diverse edizioni della America's Cup, vincendola nel 2013 con il team velico americano BMW Oracle Racing.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Membro dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine dell'Impero Britannico
«Per i servizi allo yachting.»
— 30 dicembre 2000[1]
Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico
«Per i servizi alla vela.»
— 31 dicembre 2004[2]
Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico
«Per i servizi allo sport.»
— 31 dicembre 2008[3]
Knight Bachelor - nastrino per uniforme ordinaria Knight Bachelor
«Per i servizi alla vela.»
— 28 dicembre 2012[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The London Gazette (PDF), nº 56070, 30 December 2000, p. 13. URL consultato il 22 August 2008.
  2. ^ (EN) The London Gazette (PDF), nº 56070, 30 December 2000, p. 13. URL consultato il 22 August 2008.
  3. ^ (EN) The London Gazette (PDF), nº 58929, 31 December 2008, p. 7.
  4. ^ (EN) The London Gazette (PDF), nº 60367, 29 December 2012, p. 2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN58585363 · ISNI (EN0000 0000 3892 9852 · LCCN (ENnb2002004571