Bellicismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cartolina di propaganda italiana che esalta l'attacco giapponese a Pearl Harbor

Viene definita bellicismo l'ideologia sociopolitica favorevole all'uso della guerra come mezzo di risoluzione delle crisi internazionali. È la dottrina contraria al pacifismo, ovvero il rifiuto della guerra e all'antimilitarismo, ovvero l'opposizione verso ogni istituzione militare.

Talvolta, il bellicismo è associato con caratteri sciovinisti e imperialisti[1], ma questa ideologia non è da confondere col militarismo, la dottrina che pone la capacità militare come fondamento della società, e sostiene l'utilizzo dell'esercito per questioni sociali e politiche (es. la militarizzazione).

La locuzione è spesso usata per definire una politica estera aggressiva e/o favorevole all'entrata in guerra per la risoluzione di crisi globali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ MacGregor Knox, Conquest, Foreign and Domestic, in Fascist Italy and Nazi Germany, The Journal of Modern History, Vol. 56, No. 1 (Mar., 1984), pp. 1-57.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica