Battaglia di Saltanovka

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Saltanovka
Il generale Rayevski conduce coraggiosamente i suoi uomini in combattimento nella battaglia di Saltanovka
Il generale Rayevski conduce coraggiosamente i suoi uomini in combattimento nella battaglia di Saltanovka
Data 23 luglio 1812
Luogo Nei pressi di Mahilëŭ, Bielorussia
Esito Vittoria francese
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
20 000[1] 28 000 (9000 impegnati)
22000 fanti
6000 cavalieri[1]
Perdite
5200 caduti[1] 4800 caduti[1]
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Saltanovka (francese: bataille de Mogilev) fu uno scontro occorso durante l'invasione francese della Russia del 1812.[1]

Battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Il II esercito russo, guidato da Pëtr Ivanovič Bagration, cercava di riunirsi al principale esercito russo di Barclay de Tolly dopo che i francesi avevano conquistato Mahilëŭ e bloccato l'attraversamento del fiume Dnepr. Bagration mandò il generale Rayevski contro le cinque divisioni francesi di Louis Nicolas Davout, situate tra i due gruppi russi. I francesi contavano 28000 soldati, comprese le tre divisioni di fanteria dei generali Compans, Dessaix e Claparède e numerose unità di cavalleria dei generali Bordesoule e Valence. Solo una parte di questi uomini fu impiegata in battaglia. Nel frattempo i russi avevano dispiegato circa 20 000 uomini, impegnando però un solo corpo, il 7° di Nikolaj Nikolaevič Raevskij.[1]

Davout respinse l'assalto russo su tutta la linea, nonostante la determinazione degli uomini di Rayevski. I francesi lanciarono allora un contrattacco inseguendo i russi per circa una lega. La battaglia impedì a Bagration di unirsi al grosso dell'esercito russo di Michael Andreas Barclay de Tolly a Vicebsk, obbligando Bagration a ritirarsi a Smolensk. I russi persero tra i 2500 ed i 5200 soldati, con la stima maggiore fornita dal maresciallo Davout e composta da 1200 morti e 4000 feriti. Le stime delle perdite francesi variarono tra i 1000 uomini (di cui 100 prigionieri del 108º reggimento di linea) ed i 4134 morti, feriti e dispersi.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Pigeard, p. 551-552.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pigeard, Alain. Dictionnaire des batailles de Napoléon. Tallandier, Bibliothèque Napoléonienne, 2004. ISBN 2-84734-073-4
guerre napoleoniche Portale Guerre napoleoniche: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerre napoleoniche