Battaglia di Montemurlo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Rocca di Montemurlo

La battaglia di Montemurlo si svolse il 2 agosto 1537, tra i sostenitori di Cosimo I de' Medici, duca di Firenze, e i fuorusciti repubblicani, oppositori della presa di potere mediceo, capeggiati da Baccio Valori e Filippo Strozzi. La vittoria del partito mediceo segnò la definitiva sconfitta dei ribelli e il consolidamento definitivo del dominio mediceo attraverso il ducato (poi Granducato), che regnerà sulla Toscana fino all'estinzione della casata e, attraverso i successori Lorena, fino all'Unità d'Italia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Valori e lo Strozzi, proprietari rispettivamente della villa del Barone e di villa Strozzi nel territorio di Montemurlo, avevano radunato le loro truppe nella rocca, nell'attesa di un momento propizio per attaccare Firenze, distante circa trenta chilometri.

I soldati di Cosimo, circa diecimila fra cavalieri, fanteria e mercenari spagnoli e tedeschi ottenuti grazie al sostegno a Carlo V, raggiunsero però Montemurlo e, capeggiati da Alessandro Vitelli e Pirro Colonna, con la supervisione del cardinale Innocenzo Cybo, si schierarono attorno alla rocca dove erano asserragliati i fuorusciti. Nonostante l'uso delle artiglierie, gli assediati, in forte minoranza, soccombettero quando venne incendiata una delle porte del castello, che portò presto le fiamme anche nelle stanze e nel cortile del mastio. I capitani vennero presi e costretti ad arrendersi: trasportati a Firenze furono incarcerati e condannati a morte. Baccio Valori, suo figlio Filippo e suo nipote furono decapitati al Bargello; Filippo Strozzi pare che si uccise in cella.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Emanuele Repetti, Dizionario Geografico, Fisico e Storico della Toscana/ contenente la descrizione/ di tutti i luoghi del Granducato/ Ducato di Lucca/ Garfagnana e Lunigiana/ compilato/ da Emanuele Repetti/ socio ordinario/ dell’I e R Accademia dei Georgofili/ e di varie altre/ Volume Terzo, Firenze/ presso l’Autore e l’Editore/ coi tipi Allegrini e Mazzoni/ 1839;
  • Giorgio Spini, Disegno Storico della Civiltà Italiana, Roma, 1958;
  • C. Carbone, A. Coppellotti, S. Cuccaro, I luoghi delle battaglie in Toscana, Firenze, 2004;
  • Giorgio Batini, Capitani di Toscana, Firenze, 2004 ISBN, 88-8304-915-2;
  • Alessio Varisco - Chiara Benedetta Rita Varisco, Nel Mio Nome. Piccola enciclopedia degli Ordini Dinastici della Imperiale e Reale Casa degli Asburgo Lorena di Toscana (con prefazione di Sua Altezza Imperiale e Reale Sigismondo d'Asburgo-Lorena), Effigi, Arcidosso, 2015 ISBN 978-88-6433-541-4;
  • Unità Pastorale di Montemurlo - Parrocchia Sacro Cuore, Montemurlo e la sua Croce, Montemurlo, Associazione Il borgo della Rocca, 2015.
  • Alessio Varisco, Santo Stefano I e il suo Ordine. Montemurlo e la sua Rocca. (Con la prefazione di Sua Altezza Imperiale e Reale Sigismondo d'Asburgo-Lorena), Arcidosso, Effigi, 2017 ISBN 978-88-6433-736-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]