Banca Asiatica d'Investimento per le Infrastrutture

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
AIIB logo.jpeg

La Banca Asiatica d'Investimento per le infrastrutture (AIIB), fondata a Pechino nell'ottobre 2014, è un'istituzione finanziaria internazionale proposta dalla Repubblica Popolare Cinese. Si contrappone al Fondo Monetario Internazionale, alla Banca Mondiale e all'Asian Development Bank,[1] queste ultime, secondo molti osservatori, sarebbero sotto il controllo del capitale e delle scelte strategiche dei paesi sviluppati come gli Stati Uniti d'America.[2] Scopo della Banca è fornire e sviluppare progetti di infrastrutture nella regione Asia-Pacifico attraverso la promozione dello sviluppo economico-sociale della regione e contribuendo alla crescita mondiale.

Stati fondatori[modifica | modifica wikitesto]

I paesi fondatori dell'AIIB sono 57. Secondo la Cina, sono considerati fondatori gli stati che aderiscono alla banca entro il 31-03-2015, dopo tale data, ogni ulteriore adesione comporta per lo stato che aderirà all'AIIB lo status di semplice "componente".[3]

Stati membri Data di ingresso
Arabia Saudita Arabia Saudita 2015
Australia Australia 24 marzo 2015
Austria Austria 24 marzo 2015
Bangladesh Bangladesh 2014
Birmania Birmania 2014
Brasile Brasile 27 marzo 2015
Brunei Brunei 2014
Cambogia Cambogia 2014
Cina Cina 2014
Corea del Sud Corea del Sud 2015
Egitto Egitto 30 marzo 2015
Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti 2015
Finlandia Finlandia 30 marzo 2015
Francia Francia 17 marzo 2015[4]
Georgia Georgia 28 marzo 2015
Germania Germania 17 marzo 2015[4]
Giordania Giordania 2015
Hong Kong Hong Kong 2015
India India 2014
Indonesia Indonesia 2014[5]
Iran Iran 2015
Islanda Islanda 31 marzo 2015
Israele Israele 31 marzo 2015
Italia Italia 17 marzo 2015[4]
Kazakistan Kazakistan 2014
Kirghizistan Kirghizistan 31 marzo 2015
Laos Laos 2014
Lussemburgo Lussemburgo 19 marzo 2015
Maldive Maldive 2014[6]
Malta Malta 9 aprile 2015
Mongolia Mongolia 2014
Nepal Nepal 2014
Norvegia Norvegia 31 marzo 2015
Nuova Zelanda Nuova Zelanda 28 novembre 2014
Oman Oman 2014
Paesi Bassi Paesi Bassi 28 marzo 2015
Pakistan Pakistan 2014
Portogallo Portogallo 31 marzo 2015
Qatar Qatar 2014
Regno Unito Regno Unito 13 marzo 2015
Russia Russia 28 marzo 2015
Singapore Singapore 2014
Spagna Spagna 28 marzo 2015
Sri Lanka Sri Lanka 2014
Svezia Svezia 31 marzo 2015
Svizzera Svizzera 20 marzo 2015
Tagikistan Tagikistan 2015
Taiwan Taiwan 31 marzo 2015
Turchia Turchia 26 marzo 2015
Ungheria Ungheria 31 marzo 2015
Uzbekistan Uzbekistan 2014
Vietnam Vietnam 2014

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tania Branigan, Support for China-led development bank grows despite US opposition, su http://www.theguardian.com, The Guardian, 13 marzo 2015. URL consultato il 15 marzo 2015.
  2. ^ Il Sole 24 Ore
  3. ^ La Repubblica
  4. ^ a b c Italia, Francia e Germania intendono diventare membri fondatori di AIIB, su mef.gov.it, Ministero dell'Economia e delle Finanze, 17 marzo 2015. URL consultato il 17 marzo 2015.
  5. ^ Indonesia becomes 22nd founding member of AIIB, Xinhuanet.com, 27 novembre 2014. URL consultato il 28 novembre 2014.
  6. ^ Asian Infrastructure Development Bank to be operational by year-end, EconomicTimes.com, 2 gennaio 2015. URL consultato il 22 gennaio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]