Banate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Banate
municipalità di Quarta classe
Localizzazione
StatoFilippine Filippine
RegioneVisayas Occidentale
ProvinciaIloilo
Amministrazione
SindacoCarlos O. Cabangal Jr.
Territorio
Coordinate11°01′20″N 122°49′03″E / 11.022222°N 122.8175°E11.022222; 122.8175 (Banate)Coordinate: 11°01′20″N 122°49′03″E / 11.022222°N 122.8175°E11.022222; 122.8175 (Banate)
Superficie118,86 km²
Abitanti28 714[1] (2007)
Densità241,58 ab./km²
Barangay18
Altre informazioni
Cod. postale5010
Prefisso33
Fuso orarioUTC+8
Cartografia
Mappa di localizzazione: Filippine
Banate
Banate
Banate – Mappa
Sito istituzionale

Banate è una municipalità di Quarta classe delle Filippine, situata nella Provincia di Iloilo, nella Regione del Visayas Occidentale.

Banate è formata da 18 baranggay:

  • Alacaygan
  • Bariga
  • Belen
  • Bobon
  • Bularan
  • Carmelo
  • De La Paz
  • Dugwakan
  • Fuentes
  • Juanico
  • Libertad
  • Magdalo
  • Managopaya
  • Merced
  • Poblacion
  • San Salvador
  • Talokgangan
  • Zona Sur

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il porto di Banate

Banate è una città costiera a Iloilo, nelle Filippine, con un'origine antica. Era noto ai missionari spagnoli durante le date più antiche della colonizzazione come Bobog, ed è diventata una "visita" della parrocchia e del monastero agostiniano di Dumangas, Iloilo durante i primi anni del regime spagnolo . Lo storico agostiniano, Gaspar de San Agustin, di cui ha scritto sull'esistenza della città durante il 1500-1600 nel suo libro Conquistas de las Islas filippine (1565-1615). .[2] Fray Juan Fernandez nel suo Monografias de los Pueblos de la isla de Panay afferma che Banate era nota nei tempi antichi come Bobog o Bog-og, che è sinonimo di catia, vale a dire- di vetro. Il frate agostiniano dice che il nome moderno Banate potrebbe essere stato derivato da alcune piante che prosperano in abbondanza nella città. Una possibilità è la Butacea, classificato da Linaeus come Murraya exotica. Se l'ortografia e la pronuncia sono danneggiati, e invece di Banate ciò che è scritto o pronunciato è Bangate, sarebbe quindi il papilionácea leguminose chiamato in botanica come Abrus praecatorius.[3]

Per gli abitanti, il nome moderno della città è comunemente attribuita alla presenza di molti alberi Bangate nella zona. Secondo una leggenda locale, quando arrivarono gli spagnoli, tutti gli abitanti di Banate fuggì per motivo della sicurezza. Un vecchio, però, non è riuscito a fuggire perché era di età avanzata e già così debole. Pioveva allora. Così, il vecchio si rifugiarono sotto l'albero Bangate in cui un ufficiale spagnolo lo trovò più tardi. L'uomo bianco l'ha chiesto; 'Como se llama esto pueblo? ", Il vecchio, non sapendo cosa dire, semplicemente ha detto "Bangate pensando che il spagnolo stava chiedendo circa il nome dell'albero. Incapace di comprendere con chiarezza quello che il vecchio borbottò, il spagnolo pensava che il nativo aveva detto Banate". Mentre tale leggenda sembra troppo assurdo per essere vero, è l'unica spiegazione spesso data dalla gente sul'origine del nome della loro città. Gli alberi di Bangate ancora abbondano, entro i limiti territoriali del comune fino ad ora.

Bobog, nella prima parte della sua storia come un insediamento cristiano e una Visita di Dumangas, è stato posto sotto il patronato di San Giovanni Evangelista.[4]. P. Juan Fernandez dice che la città è stata fondata nel 1763. Da allora ha acquisito la sua Visita l'insediamento di Sinaba-an. P. Leandro Arias è stato nominato Vicario per la città il 31 ottobre 1763. In seguito, molte persone hanno lasciato la città a causa delle frequenti incursioni e saccheggi dei musulmani di Mindanao. Di conseguenza, la città fu nuovamente annessa a Dumangas. Successivamente divenne Visita di Barotac Nuevo fino al 1843, quando fu dichiarata di nuovo come una parrocchia autonoma con San Giovanni Battista come patrono titolare.[5] Sette anni dopo, il Governatore Generale Antonio Blanco, senza dubbio dimenticando il precedente decreto, aveva dichiarato Banate come parrocchia indipendente il 15 aprile 1850, al tempo stesso come quello di Anilao.[6]

Non vi è alcun documento esistente o di un atto di legislazione attestante la data del riconoscimento formale e la creazione di Banate come un comune. È stato, però, con la nomina di Felix Babiera come il primo Governadorcillo nel 1837 da indicazione sicura che Banate era fondato come comune. Incluso nella giurisdizione territoriale del comune di Banate erano Barotac Viejo e Anilao. Il sito originale del Centro historico di Banate era in quella zona che oggi è conosciuto come Bularan . La piccola chiesa lì, attorno alla quale la città è cresciuta, è stato poi situato vicino alla riva. Nelle vicinanze verso il Nord è stato il cimitero della città. Per la piazza del mercato, Nipa e baracche di bambù sono stati costruiti nei pressi della zona in cui la prima Chiesa di una volta. Durante l'ultima parte del 1800 l'attuale Chiesa cattolica romana in pietra fu costruito nel barangay adiacente, divenuto in seguito centro storico o la capitale della città.

L'attuale chiesa della parrocchia è stata costruita nel 1870 da padre. Tores Eustaqiuo.[7] Si è fatto di pietra e legno durante il periodo spagnolo. Il suo successore, fr. Manuel Santos, P.[8] costruito il convento di legno nel 1883.[9]

Durante la Rivoluzione contro Spagna,m il 28 ottobre 1898, Banate, che rimase fedele alla Spagna, è stato ridotto in cenere dai ribelli sotto il maleducato Maraigan.[10] Il parroco attuale parrocchia è Rev. P. Winifredo "Winnie" H. Losaria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Population and Housing, National Statistics Office. URL consultato il 17 maggio 2013.
  2. ^ “También fundó convento el Padre Fray Martin de Rada en Araut- que ahora se llama el convento de Dumangas- con la advocación de nuestro Padre San Agustín...Está fundado este pueblo casi a los fines del río de Halaur, que naciendo en unos altos montes en el centro de esta isla (Panay)...Es el pueblo muy hermoso, ameno y muy lleno de palmares de cocos. Antiguamente era el emporio y corte de la más lucida nobleza de toda aquella isla...Hay en dicho pueblo algunos buenos cristianos...Las visitas que tiene son ocho: tres en el monte, dos en el río y tres en el mar...Las que están al mar son: Santa Ana de Anilao, San Juan Evangelista de Bobog, y otra visita más en el monte, entitulada Santa Rosa de Hapitan.” Gaspar de San Agustin, O.S.A., Conquistas de las Islas Filipinas (1565-1615), Manuel Merino, O.S.A., ed., Consejo Superior de Investigaciones Cientificas: Madrid 1975, pp. 374-375.
  3. ^ Cf. Fr. Juan Fernandez, OSA,Monografias de los Pueblos de la isla de Panay in Monografie delle città di Panay, Jose Espinosa, Jr., trad., Iloilo City: Università di San Agostino, 2006, pp .> ---.
  4. ^ Gaspar de San Agustin, O.S.A., Conquistas de las Islas Filipinas (1565-1615), Manuel Merino, O.S.A., ed., Consejo Superior de Investigaciones Cientificas: Madrid 1975, pp. 374-375.
  5. ^ Cf. Fr. Juan Fernandez, O.S.A, Monografias de los pueblos de la isla de Panay in Monographs of the Towns of Panay, Jose Espinosa, Jr., trans., Iloilo City: University of San Augustine, 2006, pp. ---.
  6. ^ Cf. Fr. Juan Fernandez, OSA,Monografias de los Pueblos de la isla de Panay in Monografie delle città di Panay, Jose Espinosa, Jr., trad., Iloilo City: Università di San Agostino, 2006, pp. ---.
  7. ^ P. Eustaqiuo Tores vestì l'abito agostiniano a Valladolid nel 1861 e professa la sua voti semplici nel 1862. Andò nelle Filippine nel 1868 quando era ancora un diacono. Ha esercitato il suo ministero a Iloilo nel curati di Banate Baotac Nuevo e nel 1870 e 1882 rispettivamente. Fr. Tores costruito in queste città le Chiese di basi in pietra e di legno. Morì a Barotac Nuevo il 4 maggio 1888. Cf. Elviro J. Perez,Catalogo Bio-Bibliografico de los religiosos Agustinianos de la Provincia del Santissimo Nombre de Jesus de las Islas, Filippine, Manila: Colegio de Sto. Tomas, 1901, p. 535.
  8. ^ . Manuel Santos è nato a Burgos nel 1853 e professa i suoi voti nel collegio di Valladolid nel 1870. È stato associato parrocchiale a Santa Barbara nel 1878 e divenne parroco di Banate nel 1882. Si stava costruendo la canonica parrocchiale di Banate dal 1883 fino alla sua morte, avvenuta il 29 giugno 1889. Cf. Elviro J. Perez,Catalogo Bio-Bibliografico de los religiosos Agustinianos de la Provincia del Santissimo Nombre de Jesus de las IslasFilippine, Manila: Colegio de Sto. Tomas, 1901, p. 595-596 ..
  9. ^ Galente, Pedro G., OSA, Angels in Stone: Chiese agostiniani nelle Filippine, Manila: Museo di San Agostino, 1996 , p ----.
  10. ^ Cf. R. Morales Maza, Gli Agostiniani in Panay, Iloilo City: Università di San Agostino, 1987, p. 332.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Filippine Portale Filippine: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Filippine