Auf Achse (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Auf Achse
Titolo originaleAuf Achse
PaeseGermania
Anno1980-1996
Formatoserie TV
Genereavventura
Stagioni6
Episodi86
Durata48 min. (ep.)
Lingua originaleTedesco
Crediti
IdeatoreGeorg Feil
RegiaWerner Masten, Harmut Griesmayr, Walter Bannert
SceneggiaturaGeorg Feil, Richard Reitinger
Interpreti e personaggi
MusichePaul Vincent
Casa di produzioneBavaria Film
Prima visione
Prima TV originale
Dall'11 settembre 1980
Al1996
Rete televisivaARD
Prima TV in italiano
Dalinedita
Rete televisivainedita

Auf Achse ("In giro") è una serie televisiva tedesca ideata da Georg Feil[1][2][3] e prodotta dal 1980 al 1996 da Bavaria Film[3]. Protagonisti della serie sono Manfred Krug e Rüdiger Kirschstein.[1][2][3]

La serie si compone di 6 stagioni, per un totale di 86 episodi, della durata di circa 50 minuti ciascuno.[1][2][4] La serie fu trasmessa in prima visione dall'emittente ARD: il primo episodio, intitolato Vollgas[4], andò in onda in prima visione l'11 settembre 1980[1][2][4].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Protagonisti delle vicende sono due camionisti, Franz Meersdonck e Günther Willers, il cui lavoro li porta in giro per tutta Europa e anche in Paesi extraeuropei, come Cile, Messico, Sudafrica, Thailandia, ecc.[1][2]

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Puntate Prima TV Germania Prima TV Italia
Prima stagione 13[4] 1980 inedita
Seconda stagione 28 (in due parti)[4] 1983/1987[4] inedita
Terza stagione 13[4] inedita
Quarta stagione 12[4] inedita
Quinta stagione 7[4] inedita
Sesta stagione 13[4] inedita

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (DE) Auf Achse - Infos zur Fernsehserie, Fernsehserien.de. URL consultato il 10 novembre 2016.
  2. ^ a b c d e (DE) Auf Achse -, Wunschliste. URL consultato l'11 novembre 2016.
  3. ^ a b c (DE) Auf Achse - Cast & Crew, Fernsehserien.de. URL consultato il 3 novembre 2016.
  4. ^ a b c d e f g h i j (DE) Auf Achse - Episodenguide, Fernsehserien.de. URL consultato il 10 novembre 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]