Attributo (linguistica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'attributo (dal latino attributu(m), 'ciò che è attribuito', dal verbo attribuere, 'attribuire')[1] è una categoria sintattica.[2]

L'attributo è costituito da un qualsiasi elemento aggettivale che determini un sostantivo (o sintagma nominale in genere) per precisarlo, attribuendogli specifiche qualificazioni o determinazioni. Sintatticamente, l'attributo dipende dal sostantivo che determina. Morfologicamente, concorda con esso.[3]

La tradizione ha legato il concetto di attributo primariamente agli aggettivi qualificativi, ma successivamente la linguistica moderna ha espanso il numero di categorie morfosintattiche che possono avere una funzione attributiva.[4]

Costituenti con funzione attributiva[modifica | modifica wikitesto]

In genere, l'elemento aggettivale usato come attributo è un aggettivo:[3]

«Gallina vecchia fa buon brodo.»

L'aggettivo con funzione attributiva concorderà con il nome dal quale dipende secondo le marche morfologiche usate da ciascuna lingua (il che è particolarmente vistoso nelle lingue di tipo fusivo): tipicamente genere, numero e caso.[5] Ad esempio, i capelli neri o la ragazza alta, les cheveux blonds (francese), unas películas hermosas (spagnolo), parva puella (latino).

Possono però fungere da attributi anche altri costituenti:

«Sembrerà sorprendente, ma preferisco le sigarette importate
«Giovanni era un ragazzo di poche pretese
«Giovanna è una ragazza di valore
«Mary's mother»
«liber pueri»
«Il maglione che hai comprato»
«Il piacere di viaggiare»

Tipi di attributo[modifica | modifica wikitesto]

Essendo l'attributo privo di una propria funzione sintattica, assume quella del costituente che lo regge.

Si distingue così tra:

In italiano non esiste l'attributo del predicato verbale, dal momento che la funzione dell'attributo o di un altro elemento nominale non è più attributiva ma predicativa: perciò, in questi casi, l'aggettivo o il nome sono considerati nome del predicato (se il verbo è essere; ad esempio: il pavimento è lucido) complemento predicativo del soggetto o dell'oggetto (se il verbo non è essere; ad esempio: il pavimento sembra lucido).[5]

Valori dell'attributo[modifica | modifica wikitesto]

In italiano l'attributo, a seconda della sua posizione, può avere diversi valori:[5]

  • Quando ha valore descrittivo, cioè si limita ad arricchire il nome di qualche particolare, può precederlo o seguirlo; ad esempio: le colline verdi, le alte montagne
  • Quando ha valore restrittivo, cioè serve a distinguere qualcosa da tutto il resto, segue quasi sempre il nome; ad esempio: le colline piemontesi [non quelle di altre regioni], le case vecchie [non quelle nuove].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sensini, op. cit., p. 434, nota 1.
  2. ^ Serianni, Grammatica italiana, cit., II.6.
  3. ^ a b c d Serianni, Grammatica italiana, cit., II.45.
  4. ^ a b c d Beccaria, cit., pp. 106-107.
  5. ^ a b c Lingua comune, p. 459.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica