Atletica leggera ai Giochi della XX Olimpiade - Staffetta 4×400 metri maschile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bandiera olimpica Athletics pictogram.svg
Staffetta 4×400 metri maschile
Monaco di Baviera 1972
Informazioni generali
Luogo Stadio olimpico di Monaco
Periodo 9-10 settembre 1972
Partecipanti 23 squadre nazionali
Podio
Medaglia d'oro Charles Asati
Hezahiah Nyamau
Robert Ouko
Julius Sang
Kenya Kenya
Medaglia d'argento Martin Reynolds
Alan Pascoe
David Hemery
David Jenkins
Gran Bretagna Gran Bretagna
Medaglia di bronzo Gilles Bertould
Roger Vélasquez
Francis Kerbiriou
Jacques Carette
Francia Francia
Edizione precedente e successiva
Città del Messico 1968 Montréal 1976
Atletica leggera ai
Giochi olimpici di
Monaco di Baviera 1972
Athletics pictogram.svg
Corse piane
100 m piani   uomini   donne
200 m piani uomini donne
400 m piani uomini donne
800 m piani uomini donne
1500 m piani uomini donne
5000 m piani uomini
10000 m piani uomini
Corse ad ostacoli
110 / 100 m hs uomini donne
400 m hs uomini
3000 m siepi uomini
Prove su strada
Maratona uomini
Marcia 20 km uomini
Marcia 50 km uomini
Salti
Salto in alto uomini donne
Salto con l'asta uomini
Salto in lungo uomini donne
Salto triplo uomini
Lanci
Getto del peso uomini donne
Lancio del disco uomini donne
Lancio del martello uomini
Lancio del giavellotto uomini donne
Prove multiple
Decathlon uomini
Pentathlon donne
Staffette
Staffetta 4×100 m uomini donne
Staffetta 4×400 m uomini donne

La staffetta 4×400 metri ha fatto parte del programma maschile di atletica leggera ai Giochi della XX Olimpiade. La competizione si è svolta nei giorni 9-10 settembre 1972 allo Stadio olimpico di Monaco.

Gli americani Vince Matthews e Wayne Collett, oro e argento nei 400 piani, sono stati squalificati perché si sono messi a chiacchierare sul podio durante l'esecuzione del loro inno nazionale. Il connazionale John Smith è indisponibile a causa di un infortunio. Essendo i tre atleti anche titolari della staffetta, gli Stati Uniti non possono mettere una squadra in campo. I favoriti diventano così i kenioti.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Turni eliminatori[modifica | modifica wikitesto]

3 Batterie 9 settembre 21 squadre partenti Si qualificano le prime 2 + 2 migliori tempi
Finale 10 settembre 8

In finale la gara è molto combattuta. Dopo due giri le prime sei squadre sono racchiuse in sei metri. Guidano Germania ovest, Polonia e Kenya.
All'ultimo cambio il tedesco Honz parte come se dovesse fare il giro in 42 secondi: guadagna 4 metri di vantaggio su Polonia e Kenya, ma ai 300 metri scoppia e viene risucchiato. Ne approfittano Julius Sang, che supera il polacco e va a vincere con un tempo sotto i 3 minuti e David Jenkins, che supera Francia e Polonia andando a prendere il bronzo con il record europeo eguagliato.

Il Kenya va vicinissimo al proprio record nazionale di 2'59"6, stabilito ai Giochi di Città del Messico del 1968.

Batterie[modifica | modifica wikitesto]

1ª Serie
Pos. Nazione Atleti Totale Nota
1 Gran Bretagna Gran Bretagna Martin Reynolds, Alan Pascoe
David Hemery, David Jenkins
3'01"3 Q
2 Kenya Kenya Charles Asati, Hezahiah Nyamau
Robert Ouko, Julius Sang
3'01"3 Q
3 Svezia Svezia Erik Carlgren, Anders Faager
Kent Öhman, Ulf Rönner
3'03"1 q
4 Canada Canada Ian Gordon, Brian MacLaren
Craig Blackman, Tony Powell
3'04"2
5 Jugoslavia Jugoslavia Miro Kocuvan, Laszlo Ubori
Jozo Alebić, Milorad Čikić
3'05"7
6 Marocco Marocco Omar Ghizlat, Omar Chokhmane
Salah Fettouh, Mohamed Bouboud
3'05"9
7 Portogallo Portogallo Fernando Silva, Alberto Matos
José Carvalho, Fernando Mamede
3'10"0
- Stati Uniti Stati Uniti d'America - - DNS
2ª Serie
Pos. Nazione Atleti Totale Nota
1 Germania Ovest Germania Ovest Bernd Herrmann, Horst-Rüdiger Schlöske
Hermann Köhler, Karl Honz
3'03"3 Q
2 Trinidad e Tobago Trinidad e Tobago Arthur Cooper, Pat Marshall
Charles Joseph, Edwin Roberts
3'03"5 Q
3 Nigeria Nigeria Musa Dogon Yaro, Bruce Ijirighwo
Mamman Makama, Robert Ojo
3'04"3
4 Etiopia Etiopia Tegegne Bezabeh, Shoangizaw Worku
Ketema Benti, Mulugetta Tadesse
3'08"6
5 Italia Italia Daniele Giovanardi, Giacomo Puosi
Lorenzo Cellerino, Sergio Bello
3'09"7
6 Tanzania Tanzania Hamad Ndee, Obedi Mwanga
Omari Abdallah, Claver Kamanya
3'10"1
7 Senegal Senegal Omar Ba, Abdou Mamadou Sow
Samba Dièye, Jean-Pierre Mango
3'11"2
8 Sudan Sudan Mohamed Musa Gadou, Dafallah Sultan Farah
Ibrahim Saad Abdel Galil, Angelo Hussein
3'14"5
3ª Serie
Pos. Nazione Atleti Totale Nota
1 Polonia Polonia Jan Werner, Jan Balachowski
Zbigniew Jaremski, Andrzej Badeński
3'02"5 Q
2 Finlandia Finlandia Stig Lönnqvist, Ari Salin
Ossi Karttunen, Markku Kukkoaho
3'03"0 Q
3 Francia Francia Gilles Bertould, Roger Vélasquez
Francis Kerbiriou, Jacques Carette
3'03"1 q
4 Giamaica Giamaica Leighton Priestley, Kim Rowe
Trevor Campbell, Alfred Daley
3'03"8
5 Venezuela Venezuela Raúl Dome, Félix Pérez
José Jacinto Hidalgo, Eric Phillips
3'07"0
6 Malaysia Malaysia Tambusamy Krishnan, Sinnayah Sabapathy
Mohamed Hassan bin Osman, Baba Singhe Peyadesa
3'13"5
- Pakistan Pakistan - - DNS

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Nazione Atleti Totale Nota
Oro Kenya Kenya Charles Asati, Hezahiah Nyamau
Robert Ouko, Julius Sang
2'59"8
Argento Gran Bretagna Gran Bretagna Martin Reynolds, Alan Pascoe
David Hemery, David Jenkins
3'00"5
Bronzo Francia Francia Gilles Bertould, Roger Vélasquez
Francis Kerbiriou, Jacques Carette
3'00"7
4 Germania Ovest Germania Ovest Bernd Herrmann, Horst-Rüdiger Schlöske
Hermann Köhler, Karl Honz
3'00"9
5 Polonia Polonia Jan Werner, Jan Balachowski
Zbigniew Jaremski, Andrzej Badeński
3'01"1
6 Finlandia Finlandia Stig Lönnqvist, Ari Salin
Ossi Karttunen, Markku Kukkoaho
3'01"1
7 Svezia Svezia Erik Carlgren, Anders Faager
Kent Öhman, Ulf Rönner
3'02"6
8 Trinidad e Tobago Trinidad e Tobago Arthur Cooper, Pat Marshall
Charles Joseph, Edwin Roberts
3'03"6

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FRDE) Comitato organizzatore dei giochi olimpici di Monaco 1972, Official Results, in Die Spiele, Monaco di Baviera, Digitally published by the LA84 Foundation, 1972. URL consultato il 26 ottobre 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]