Atlantis: The Lost Tales

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Atlantis: The Lost Tales
videogioco
Piattaforma Microsoft Windows, MS-DOS, Sega Saturn, Playstation, macOS
Data di pubblicazione Microsoft Windows:
Flags of Canada and the United States.svg 30 settembre 1997
Zona PAL 1997

Sega Saturn:
Zona PAL giugno 1998

PlayStation:
Zona PAL ottobre 1998
Genere Avventura grafica
Tema Fantascienza
Sviluppo Cryo Interactive Entertainment
Pubblicazione DreamCatcher Interactive
Serie Atlantis
Modalità di gioco Giocatore singolo
Periferiche di input Mouse, DualShock
Supporto 4 CD
Requisiti di sistema Minimi: Windows 95/98/ME, CPU Pentium 90 MHz, RAM 8 MB, Scheda video compatibile con DirectX, Scheda audio compatibile con DirectX, Lettore CD-ROM 4x
Fascia di età ELSPA: 11-14
ESRB: E

Atlantis: The Lost Tales (tradotto in Italia col nome di Atlantis: Segreti d'un mondo perduto) è un videogioco d'avventura sviluppato dalla Cryo Interactive Entertainment e pubblicato da DreamCatcher Interactive, il 30 settembre 1997.

Il gioco è il primo della serie di Atlantis.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Seth, giungendo ad Atlantis per la prima volta, diventa il guardiano della regina solo per scoprire che la regina ha abdicato.

La storia inizia con Seth che è stato invitato nella compagnia della regina. Incontra una donna chiamata Agatha, la quale gli dice che la regina è scomparsa. Quindi due uomini chiamati Meljanz e Lascoyt entrano. Sono le guardie del console, le quali non sono su un piano amichevole con la Compagnia della Regina. Quando Meljanz ordina a Seth di portargli del vino, egli disobbedisce, guadagnandosi la fedeltà di Agatha.

Ella dice a Seth che non crede che la regina sia scomparsa accidentalmente e che il console è responsabile. Seth inizia la sua investigazione visitando il pescatore sulla spiaggia. Dopo aver scoperto che Seth è un Compagno della Regina, mostra un orecchino che potrebbe aiutarlo nel trovare la regina. Ritornando al palazzo di Atlantis, Seth viene portato dal console, il quale gli chiede se avesse scoperto qualcosa. Seth mente, dicendo di non aver trovato niente. Dopo qualche pugnalata alle spalle e la morte di Agatha, Seth lascia il palazzo per volare nella foresta, dove si dice che risieda la regina.

Come la storia procede, Seth viene a conoscenza che il console e la regina sono nel mezzo di una lotta di potere. Creon, il console, sta cercando di usurpare i poteri della 'dea' Ammu, la quale viene ancora adorata dalla maggioranza di Atlantis. Creon e il suo seguito iniziarono un culto che segue la divinità minore, Sa'at, il consore di Ammu e 'dio' del Sole. Perciò Creon crea un'arma distruttiva con la quale invade e conquista le terre.

Questa nuova arma si rivela essere racchiusa in una sfera di cristallo. Cadde sulla Terra sull'Isola di Pasqua e sembra che sia responsabile per l'evoluzione dell'uomo dalla preistoria. Quindi gli abitanti di Atlantis condussero Seth nel nord del Canada o in Groenlandia, terre simboleggiate dalla presenza di iglù, dove la potenza è divisa tra due forze: la luce e l'oscurità. Una guerra divise queste due potenze. Alcuni riportarono La Luce nelle loro grotte sull'Isola di Pasqua, scoprendo il mitico posto di Shambhala. Gli altri portarono L'Oscurità in Inghilterra, precisamente a Stonehenge, per poi ripartire per l'isola di Atlantis. Sfortunatamente, Creon ha solo dissotterrato L'oscurità, la quale si dice che garantisce "forze dannose, il tipo che annega il suo utilizzatore nella pazzia".

Seth viaggia verso La Luce e riceve il suo potere nel corpo e ritorna a palazzo per sconfiggere Creon in un labirinto sotterraneo, quello del Minotauro. Seth lo sconfigge e intrappola l'oscuro in una palla di cristallo, ma non prima che un vulcano spento su Atlantis erutta come risultato della forza della palla di cristallo di Creon, distruggendo Atlantis e terminando il gioco. Un video mostra Seth che naviga con i pochi sopravvissuti di Atlantis e una voce che dice:

« La conoscenza è come il fuoco. Dove sarebbe l'umanità senza di essa? »

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi