Arthur Hallam

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di Arthur Hallam

Arthur Henry Hallam (Londra, 1º febbraio 1811Vienna, 15 settembre 1833) è stato un poeta inglese, figlio dello storico Henry Hallam.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Alfred Tennyson, intimo amico di Hallam

Nato a Londra nel 1811, figlio dello storico Henry e di Julia Elton, acquisisce, sin da ragazzo, familiarità con il francese e il latino[1].

All'Eton College, Hallam approfondisce la conoscenza del latino, studia il greco e gli autori della letteratura inglese: i classici Shakespeare e Fletcher e i moderni Byron e Shelley[1]. Nel 1827 segue la famiglia in un viaggio in Italia: visita Firenze, Roma, Napoli e Amalfi e compone alcune poesie anche in lingua italiana[1].

Clevedon: chiesa di sant'Andrea, luogo di sepoltura di Hallam

L'anno successivo inizia a frequentare il Trinity College di Cambridge, ove si laurea nel 1832. Durante gli studi, conosce Alfred Tennyson, destinato a divenire uno dei più famosi poeti inglesi e suo intimo amico, e sua sorella Emily di cui si innamora. Si manifestano in lui, anche, i primi sintomi della malattia che lo condurrà a una morte prematura[1].

Tornato a Londra, ormai maggiorenne, Hallam respinge i tentativi paterni di dissuaderlo dal legame con Emily e pubblica alcuni lavori di critica letteraria. La sua salute continua a peggiorare[1].

Il 15 settembre 1833, a Vienna, mentre è in viaggio con il padre[1], muore all'età di ventidue anni. È sepolto nella chiesa di Sant'Andrea a Clevedon, nel Somerset, contea nel sud-ovest dell'Inghilterra.

L'evento ispirò all'amico Tennyson una serie di liriche, composte nel corso degli anni che, con il titolo In memoriam, furono poi pubblicate nel 1850[2].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Remains in verse and prose of Arthur Henry Hallam. With a preface and memoir, Boston, Ticknor and Fields, 1863. Nuova ed. Farnborough <Hants>, Gregg International, 1971.
  • The poems of Arthur Henry Hallam, together with his essay on the lyrical poems of Alfred Tennyson, London, E. Mathews & J. Lane; New York, Macmillan & compy., 1893.
  • The writings of Arthur Hallam, London, Oxford University Press, 1943.
  • The letters of Arthur Henry Hallam, Columbus, Ohio State University Press, 1981.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Sito "The Victorian Web - Literature, history & culture in the age of Victoria", riferimenti e link in Bibliografia.
  2. ^ M. Praz, Enciclopedia Italiana, riferimenti e link in Bibliografia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN76446837 · LCCN: (ENn79056144 · ISNI: (EN0000 0000 9943 321X · GND: (DE172150507 · BNF: (FRcb12963483k (data)