Arp 271

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Arp 271
Galassie interagenti
Arp 271.tif
Arp 271 (ESO)
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneVergine
Ascensione retta14h 03m 25.5s
Declinazione-06° 02′ 59″
Distanza127000000 a.l.
(38933170 pc)
Magnitudine apparente (V)11,4
Dimensione apparente (V)2,5
Redshift-0,008643
Velocità radiale2.591 km/s
Caratteristiche fisiche
TipoGalassie interagenti
Altre designazioni
APG 271, VV 021, NGC 5426/NGC 5427, HOLM 573
Mappa di localizzazione
Arp 271
Virgo IAU.svg
Categoria di galassie irregolari

Coordinate: Carta celeste 14h 03m 25.5s, -06° 02′ 59″

Arp 271 è una coppia di galassie spirali interagenti situata nella costellazione della Vergine[1][2][3] alla distanza di circa 127 milioni di anni luce dalla Terra.

La scoperta si deve a William Herschel nel 1785. Arp 271 è inserita nell'Atlas of Peculiar Galaxies compilato da Halton Arp nel 1966.

La coppia è formata dalle galassie NGC 5426 e NGC 5427 che interagiscono da decine di milioni di anni e non è certo se in futuro collideranno o meno. Il processo di interazione sicuramente ha provocato e provocherà la creazione di nuove stelle e la formazione di un filamento di stelle che connette le due galassie[2][3][4].

Interazioni di questo tipo non sono rare. Si ipotizza che entro 5 miliardi di anni anche la nostra Via Lattea e la vicina grande Galassia di Andromeda (M31), distante circa 2, 6 milioni di anni luce, andranno incontro ad un'interazione simile fino a fondersi in un'unica galassia ellittica gigante[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Best of AOP: NGC 5426, su www.noao.edu. URL consultato il 25 aprile 2016.
  2. ^ a b Twin Galaxies in a Gravitational Embrace | Gemini Observatory, su www.gemini.edu. URL consultato il 25 aprile 2016.
  3. ^ a b (EN) information@eso.org, Arp 271 — Galaxies Drawn Together*, su www.eso.org. URL consultato il 25 aprile 2016.
  4. ^ I. Fuentes-Carrera, M. Rosado e P. Amram, The isolated interacting galaxy pair NGC 5426/27 (Arp 271), in Astronomy and Astrophysics, vol. 415, nº 2, pp. 451–469, DOI:10.1051/0004-6361:20034190. URL consultato il 25 aprile 2016.
  5. ^ (EN) NASA - NASA's Hubble Shows Milky Way is Destined for Head-On Collision, su www.nasa.gov. URL consultato il 25 aprile 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari