Arnold Vinnen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Institutionum imperialium commentarius, 1683 (Milano, Fondazione Mansutti).

Arnold Vinnen (Monster, 15881657) è stato un giurista olandese.

Si laurea a Leida e diventa rettore del Collegio delle Scienze Umane all'Aia dal 1619 al 1633. Ritenuta una delle figure principali della scuola giuridica olandese, alcuni suoi scritti furono inseriti nell'Indice dei Libri Proibiti a causa delle teorie considerate eretiche sul Concilio di Trento. Scrive anche le note ai Commemtarii ad rem nauticam di Pieter Peck. Tuttavia la sua opera principale è il Commentarius institutionum imperialium, curato da Johann Gottlieb Heinecke e stampato la prima volta nel 1642. Il testo è un saggio fondamentale sul diritto romano, in uso per tutto il XVIII secolo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fondazione Mansutti, Quaderni di sicurtà. Documenti di storia dell'assicurazione, a cura di M. Bonomelli, schede bibliografiche di C. Di Battista, note critiche di F. Mansutti. Milano: Electa, 2011, pp. 337–338.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Arnold Vinnen, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
Controllo di autorità VIAF: (EN27341023 · ISNI: (EN0000 0000 8366 9447 · LCCN: (ENn86095009 · GND: (DE124408281 · BNF: (FRcb15003637k (data)