Arnold Hauser

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Arnold Hauser (Temesvár, 8 maggio 1892Budapest, 28 gennaio 1978) è stato uno storico dell'arte ungherese attivo soprattutto in Gran Bretagna. Si trasferì in Inghilterra nel 1938.

Sulla scorta delle ricerche della scuola storicistica e sociologica tedesca e della dottrina marxista di György Lukács, delineò una teoria dell'arte in cui i fenomeni artistici sono analizzati in stretta relazione con il loro contesto storico e sociale. In tal senso è avvicinabile al collega e connazionale Frederick Antal.

Respinse la teoria sull'autonomia dell'arte, a suo dire formata da fattori materiali che sono interdipendenti tra loro. Per Hauser ogni società ha un suo specifico stile; ad esempio, la società aristocratica predilige uno stile rigido, tradizionalista; mentre una società come quella democratica ne preferisce elementi che siano più naturalistici possibili, un'arte più vicina alla città.

Insegnò Storia dell'arte a Vienna e Budapest, in Inghilterra all'Università di Leeds, negli Stati Uniti alla Brandeis University e all'Ohio State University.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Storia sociale dell'arte, Einaudi, 1964, PBE n. 47** Due volumi (e ristampe fino al 2003).
  • Le teorie dell'arte, Einaudi, 2001.
  • Il manierismo. La crisi del Rinascimento e la nascita dell'arte moderna, Einaudi, 1988.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 39378414 · LCCN: n81089352 · GND: 118547011 · BNF: cb11907019z (data)