Aristide Maillol

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Aristide Maillol (Banyuls-sur-Mer, 8 dicembre 1861Banyuls-sur-Mer, 27 settembre 1944) è stato uno scultore e pittore francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si trasferì a Parigi nel 1882 e fino al 1886 lavorò nell'atelier di Alexandre Cabanel,[1] specializzandosi nella manifattura dei tappeti e del gobelin. Inoltre, l'esperienza maturata nel lavorare assieme a Paul Gauguin lo aiutò a mettersi in proprio,[1] distaccandosi dall'ambiente accademico. Dai 40 anni in poi si dedicò esclusivamente alla scultura. Fu amico di Étienne Terrus, pittore suo conterraneo, e di Achille Laugé.

Il suo tema preferito fu il nudo femminile visto come ideale di bellezza plastica: le sue donne sono sode, massicce, robuste, di forma classica suggestionato anche dal suo viaggio in Grecia del 1908. Il suo stile si può definire contrapposto per il formalismo e la staticità delle sue figure a quello di Rodin.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b le muse, VII, Novara, De Agostini, 1966, p. 180.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN14228 · ISNI (EN0000 0001 0854 4692 · LCCN (ENn80015568 · GND (DE118730274 · BNF (FRcb11913991d (data) · ULAN (EN500001596 · NLA (EN35202089 · BAV ADV10192419