Ardea insignis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Airone panciabianca
White-bellied Heron at Pho Chu, Bhutan.JPG
Stato di conservazione
Status iucn3.1 CR it.svg
Critico
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Pelecaniformes
Famiglia Ardeidae
Genere Ardea
Specie A. insignis
Nomenclatura binomiale
Ardea insignis
Hume, 1878
Sinonimi

Ardea imperialis

L'airone panciabianca (Ardea insignis Hume, 1878) è un uccello della famiglia degli Ardeidi.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Vive nelle zone umide delle foreste tropicali e subtropicali delle colline ai piedi dell'Himalaya orientale, in India, Bhutan e Myanmar; è ormai scomparso dal Nepal. In Bhutan, dove ne rimangono solamente 32 esemplari, questa specie è diffusa nelle aree paludose al di sotto dei 1700 metri, soprattutto nel bacino del fiume Punatsang Chhu, nei distretti di Punakha e Wangdue Phodrang, nella regione centro-occidentale del Paese.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questo grosso airone dal collo lungo ha le regioni superiori di un color grigio uniforme. La gola e le regioni inferiori sono bianche. La sommità del capo è scura e, diversamente dall'airone cenerino, non vi sono strisce nere sul collo. Durante la stagione degli amori la specie sviluppa delle piume bianco-grigiastre sulla nuca e delle lunghe penne grigie e bianche sul petto. Il becco, nero, ha la base e la punta verdastre; la faccia è grigio-verdastra. Le zampe sono scure. Le ali sono grigio scure sopra e bianche sotto. Il groppone è grigio chiaro[1]. Con un'altezza di 127 cm, l'airone panciabianca è il più grande Ardeide asiatico e per dimensioni è superato solamente dall'airone golia[2].

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

L'airone panciabianca venne citato per la prima volta, come «grande airone indiano», nel 1844 da J. E. Gray in Zoological Miscellany, sulla base di testimonianze raccolte in Nepal da Brian Houghton Hodgson[3], che lo ritenne una forma particolare di airone beccogrosso. Allan Octavian Hume, però, notò alcune differenze tra le due specie e classificò l'airone panciabianca come specie a parte[4]. Fino al 1963 la specie venne chiamata Ardea imperialis[5].

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Le regioni fluviali del Bhutan costituiscono uno degli habitat del rarissimo airone panciabianca.

Specie solitaria, si raduna talvolta in piccoli gruppi. Al suolo si muove lentamente, spostando piano piano il collo da un lato all'altro. Nidifica tra marzo e i primi di giugno. Il richiamo è costituito da un sonoro grido[2]

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è più rara di quanto si riteneva in passato e nel 2007 la IUCN ne ha cambiato lo status da specie in pericolo a specie in pericolo critico[6]. I fattori che ne minacciano la sopravvivenza sono la caccia e la distruzione dell'habitat.

L'airone panciabianca è particolarmente raro in Bhutan, dove la popolazione ha sofferto molto a causa della costruzione di bacini idroelettrici: con l'allagamento di vaste aree, le coppie riproduttrici sono costrette ad allontanarsi parecchio dal nido, lasciando così le uova o i pulcini alla mercé di predatori come il serpentario crestato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rasmussen PC & JC Anderton, Birds of South Asia: The Ripley Guide. Volume 2, Smithsonian Institution & Lynx Edicions, 2005, p. 57.
  2. ^ a b Kushlan, James Anthony, James Hancock, Herons: Bird families of the world, Oxford University Press, 2005, pp. 120–123, ISBN 0-19-854981-4.
  3. ^ Blanford WT, Fauna of British India. Volume 4, Taylor and Francis, London, 1898, pp. 383–384.
  4. ^ Hume,AO and Davison,W, A revised list of the birds of Tenasserim, in Stray Feathers, vol. 6, 1-6, 1878, pp. 1–524.
  5. ^ Mayr E & G W Cottrell (a cura di), Check-list of the birds of the world. Volume 1, 2ª ed., Museum of Comparative Zoology, 1979, p. 201.
  6. ^ (EN) BirdLife International 2010, Ardea insignis, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]