Aptoglobina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

L'aptoglobina è una mucoproteina, del gruppo elettroforetico ematico delle alfa-globuline. L'aptoglobina plasmatica possiede la proprietà di combinarsi con l'emoglobina extraglobulare per formare un complesso aptoglobina-emoglobina (Ap-Hb), il quale è rapidamente captato ed eliminato dalle cellule del SRE (Sistema Reticolo-Endoteliale). La liberazione eccessiva di Hb nel plasma, in seguito ad una crisi emolitica, porta dunque alla rapida consumazione dell'aptoglobina plasmatica,[1] e la clearance dei complessi Ap-Hb ad opera del SRE che conduce in qualche ora ad una condizione di anaptoglobinemia (scomparsa dell'aptoglobina), che in generale persiste per diversi giorni. Oltre che nei casi di emolisi, aumenta anche in condizioni di infiammazioni croniche, neoplasie e ustioni. Nelle situazioni di emolisi cronica, anche se lievi (ad esempio nella sferocitosi), l'assenza dell'aptoglobina plasmatica è considerata normale.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]