Antonio Cappello (sordo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Cappello

Antonio Cappello (Palermo, 1841Palermo, ...) è stato un sordomuto italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1863 fu torturato dai militari a causa della legge obbligatoria per la visita di leva all'età di 21 anni.
Grazie all'avvocato dello stesso Cappello, nel Parlamento del Regno d'Italia si discusse una legge che poneva fine alle torture perpetrate ai danni di molti sordi, la cosiddetta Legge Cappello.

La tortura e il pregiudizio[modifica | modifica wikitesto]

In seguito alla tortura subita, la sua schiena presentava ben 154 bruciature. Secondo l'ignoranza e il pregiudizio dell'epoca, si credeva che i sordomuti facessero finta di non capire in quanto furbi e tendenzialmente disobbedienti e insubordinati.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]