Antonio Battista

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Battista
Antonio Battista.jpg

Sindaco di Campobasso
Durata mandato 29 maggio 2014 –
11 giugno 2019
Predecessore Luigi Di Bartolomeo
Successore Roberto Gravina

Presidente della Provincia di Campobasso
Durata mandato 1º settembre 2016 –
4 Settembre 2019
Predecessore Rosario De Matteis
Successore Francesco Roberti

Dati generali
Partito politico Partito Democratico (dal 2007)
In precedenza:
PPI (1995-2002)
DL (2002-2007)
Titolo di studio Diploma di perito meccanico

Antonio Battista (Campobasso, 10 febbraio 1957) è un politico italiano, esponente del Partito Democratico, sindaco di Campobasso dal 2014 al 2019 e presidente della provincia di Campobasso dal 2016 al 2019.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1995 è stato eletto consigliere comunale con il Partito Popolare Italiano, ove ha ricoperto l'incarico di Presidente della Commissione Trasporti, traffico e verde pubblico.

Rieletto nel 1999, con il medesimo sindaco, ha ricoperto la carica di assessore alle politiche sociali.

Nel 2004, candidato con La Margherita, viene rieletto e chiamato dal sindaco Giuseppe Di Fabio a ricoprire l'incarico di assessore al bilancio e al patrimonio.

Nel 2009 è rieletto con il Partito Democratico, di cui è stato anche capogruppo comunale.

Dal 2011 al 2014 è stato Segretario dell'organizzazione del Partito Democratico del Molise con il Segretario Regionale Danilo Leva.

Si è candidato alle elezioni amministrative del 25 maggio 2014 a sindaco di Campobasso dove vince al primo turno, raccogliendo il 50,01% dei voti con 15.374 preferenze.

Il 1º settembre 2016 è eletto presidente della provincia di Campobasso con il 73,9% delle preferenze attraverso il meccanismo del voto ponderato, a seguito della riforma che ha trasformato le Province in enti di secondo livello nei quali gli organi di governo vengono eletti da sindaci e consiglieri dei comuni.

Si ricandida nel 2019 per le elezioni amministrative ma si piazza al terzo posto con il 25,85% dei voti non riuscendo ad arrivare al ballottaggio, nel quale si impone il candidato del Movimento 5 Stelle Roberto Gravina. Da quel giorno decade da presidente della provincia e gli succede il vicepresidente Simona Contucci.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]