Annalisa Piras

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Annalisa Piras

Annalisa Piras (Roma, 29 aprile 1966) è una giornalista e regista italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Annalisa Piras ha lavorato come corrispondente da Londra per L'Espresso dal 1997[1] e per LA7 dal 2001 al 2007. Nel biennio 2006-2007 è stata la prima italiana ad essere presidente del London Foreign Press Association.

Partecipa regolarmente al Dateline London, programma di informazione settimanale in onda sull'emittente britannica BBC News e BBC World Service. Collabora inoltre con il quotidiano The Guardian[2] scrivendo di Italia ed Europa. Partecipa spesso a dibattiti politici su BBC News, Sky News, CNN, Al Jazeera e CNBC.

Come redattrice capo per l'Unione Europea, ha fatto parte del team che il 1º gennaio 1993 a Lione ha lanciato Euronews, il primo canale televisivo paneuropeo d'informazione multilingue, successivamente trasformatosi in un sito web di informazione.

Attività cinematografica[modifica | modifica wikitesto]

Oltre al lavoro giornalistico, Annalisa Piras ha realizzato diverse pellicole dedicate a temi socio-politici.

Il suo documentario The Italian Patient[3], trasmesso da BBC Four, è stato selezionato per il premio FPA Best Story of the Year, come reportage realizzato da un corrispondente straniero con base a Londra. Nel 2015 ha diretto un film-documentario sulla crisi europea The Great European Disaster Movie[4].

Il suo lavoro più celebre è però Girlfriend in a Coma da lei prodotto, co-scritto e diretto nel 2011-12 insieme a Bill Emmott, ex direttore del quotidiano The Economist. Si tratta di un documentario indipendente sulla situazione italiana vista dall'estero

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bill Emmott: L'Europa in coma nella tempesta perfetta, su espresso.repubblica.it. URL consultato il 7 maggio 2015.
  2. ^ Annalisa Piras profile, su guardian.co.uk, The Guardian.
  3. ^ The Italian Patient, su bbc.co.uk, BBC.
  4. ^ The Great European Disaster Movie, 26 Jan 2015. URL consultato il 29 maggio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN5790151433047656420004
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie