Annales maximi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Annales Maximi
Altri titoli Annales Pontificis Maximi
Autore Mucio Scevola
1ª ed. originale 130 a.C.
Genere annali
Lingua originale latino

Gli Annales Maximi o Annales Pontificis Maximi erano una raccolta di annales pontificum pubblicata in 80 libri dal pontifex maximus Mucio Scevola nel 130 a.C.

Gli annales pontificum erano antichi archivi pubblici della città di Roma che trattavano dei fatti più rilevanti accaduti anno per anno. Il pontefice massimo era l'autorità che metteva per iscritto gli avvenimenti di ogni anno, esponendoli al popolo su una tavola bianca (tabula dealbata) presso la sua dimora, in modo che tutti potessero prenderne visione. Su questa tavola bianca veniva pubblicata «la rassegna dei principali fatti politici, militari, sociali del popolo romano, unitamente ai nomi dei magistrati e alle vittorie in guerra degli esponenti del patriziato».[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marzia Mortarino, Mauro Reali e Gisella Turazza, Divum Domus, Loescher, p. 28, ISBN 9788820105945.