Andrea Bernabè (circense)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Andrea Bernabè (Faenza, 27 gennaio 1850Bologna, 1908) è stato un circense italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Andrea Bernabè nacque a Faenza il 27 gennaio 1850, da Paolo e Teresa Ronchi.[1][2][3][4]

Bambino sveglio ed intelligente, ottenne la licenza elementare alle scuole serali, dopo di che si avvicinò al mondo del lavoro svolgendo le mansioni di fattorino.[1][3]

All'età di dodici anni entrò a far parte del gruppo di saltimbanchi del circo Zavatta, il più antico d'Italia e di grande seguito popolare.[5][3][6][7]

Forse è proprio lì che ricevette lo pseudonimo di Bagonghi, diventato successivamente il nome d'arte tipico per tutti i nani del circo.[1][3][4]

In seguito si trasferì al circo Dell'Orme che realizzò spettacoli nel Lazio e in Toscana, poi alla compagnia di quadri plastici Zamperla, dove maturò una serie di pantomime e ruoli buffi che divertirono e ottennero successo.[1][2][3]

Ormai era diventato popolare e così entrò nel circo equestre Ranzi e si mise in evidenza anche all'estero, grazie alla tournée in Francia.[1][7]

Quindi firmò un contratto con il commendator Braccini, direttore di una grande compagnia che effettuava spettacoli fra l'Europa e l'Algeria.[1][3]

Se inizialmente suscitava curiosità soprattutto per l'altezza di un metro e dieci, ben presto diventò un artista del circo abile come clown, giocoliere, acrobata e prestidigitatore.[1][2][3][4][7]

Un artista versatile dotato di un ottimo umore e spiritoso, ma mai volgare.[1]

Il suo periodo di maggior successo durò una decina di anni e fu quando entrò nella celebre compagnia statunitense di Mr. William Meirebell, con la quale effettuò una lunga tournée dal Maghreb, al Sudan, dall'Etiopia alla Palestina.[1][3]

In seguito, con la compagnia Hittiman viaggiò in Russia e in Siberia, poi con la troupe Diaz in Francia e in Spagna.[1][3]

Ritornò nella natia Faenza dopo trent'anni, nel 1888, ottenendo un grande successo, ma poco dopo la carriera circense di Andrea Bernabè si interruppe a Roma a causa di un infortunio durante l'esecuzione di un salto mortale, che gli procurò lesioni ad una gamba.[1][2][3]

Soggiornò a Bologna, lavorando come interprete di francese, russo, spagnolo e arabo, e come venditore di vari oggetti.[1][2][3]

Morì a Bologna nel 1920, a settant'anni.[1][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m Era faentino l'autentico "Bagonghi", su historiafaentina.it. URL consultato il 12 marzo 2019.
  2. ^ a b c d e Freaks: Miti e immagini dell'Io segreto, su books.google.it. URL consultato il 12 marzo 2019.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l Bagonghi, quando il nome dei clown divenne epiteto, su piemontetopnews.it. URL consultato il 12 marzo 2019.
  4. ^ a b c le muse, I, Novara, De Agostini, 1964, p. 518.
  5. ^ Alessandro Cervellati, Storia del circo italiano, Milano, De Agostini, 1961.
  6. ^ Ciacarare Modenese. Due tipi di look ancora in voga: Bagonghi e Scaramacai, su vivomodena.it. URL consultato il 12 marzo 2019.
  7. ^ a b c Il nano bagonghi, la funzione pubblica e l’innovazione, la farsa del liberal-liberismo (PDF), su pauperclass.myblog.it. URL consultato il 12 marzo 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gianfranco Capra, La vera storia del nano Bagonghi, Edizione Tristudio, 1999.
  • Alessandro Cervellati, Storia del Circo, Bologna, Edizioni Avanti, 1956.
  • (FR) Rupert Croft-Cooke e Peter Cotes, Circus - Histoire internationale du Cirque, Parigi, Éditions Albin Michel, 1977.
  • Raffaele De Ritis, Storia del Circo. Dagli acrobati egizi al Cirque du Soleil, Roma, Bulzoni, 2008.
  • (FR) Daniel Forget, Une aventure humaine: Le Plus Petit Cirque du Monde, Parigi, Editions de l'Atelier, 2014.
  • (FR) Dominique Jando, Histoire mondiale du Cirque, Parigi, Éditions Universitaires Jean-Pierre Delarge, 1977.
  • (FR) Dominique Mauclair, Histoire du Cirque - Voyage extraordinaire autour de la Terre, Tolosa, Éditions Privat, 2003.
  • (FR) Tristan Rémy, Les Clowns, Parigi, Bernard Grasset, 1945.
  • Alessandro Serena, Storia del Circo, Milano, Bruno Mondadori, 2008.
  • (DE) Toni Meissner, Die grossen Clowns, Königstein im Taunus, Athenäum, 19.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie