Anatolij Sergeevič Kulikov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Anatolij Kulikov)
Jump to navigation Jump to search
Anatolij Sergeevič Kulikov
Anatoly Kulikov 2018.jpg
Anatolij Kulikov nel 2018.

Ministro degli Affari Interni della Federazione Russa
Durata mandato 6 luglio 1995 –
23 marzo 1998
Predecessore Viktor Erin
Successore Sergej Stepašin

Dati generali
Partito politico Russia Unita
Anatolij Sergeevič Kulikov
Anatolyi Kulikov.jpg
NascitaAjgurskij, 4 settembre 1946
Mortevivente
Dati militari
Paese servitoFlag of the Soviet Union.svg Unione Sovietica
Flag of Russia.svg Federazione Russa
Forza armataRed Army flag.svg Esercito sovietico
Great emblem of the Russian Ground Forces.svg Forze terrestri russe
UnitàTruppe del Ministero degli Interni dell'Unione Sovietica
Truppe del Ministero degli Interni della Federazione Russa
Anni di servizio1966-1998
GradoGenerale d'armata
GuerreCrisi costituzionale russa del 1993
Prima guerra cecena
Comandante diTruppe del Ministero degli Interi dell'Unione Sovietica
Truppe del Ministero degli Interni della Federazione Russa
Gruppo di forze congiunte russe in Cecenia
DecorazioniOrdine al merito per la Patria
"fonti nel corpo del testo
voci di militari presenti su Wikipedia

Anatolij Sergeevič Kulikov (Ajgurskij, 4 settembre 1946) è un generale e politico russo, ministro degli interni della Federazione Russa dal 1995 al 1998.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel Territorio di Stavropol', nel 1992 è divenuto comandante delle truppe dell'interno della Federazione Russa, quindi era uno dei comandanti delle forze filo-governative durante la Crisi costituzionale russa del 1993 a Mosca e durante la Prima guerra cecena. Nei primi mesi del 1995 fu nominato comandante del gruppo congiunto delle forze federali russe in Cecenia e guidò le truppe russe durante il massacro di Samashki.[senza fonte]

Il 6 luglio 1995, dopo la crisi degli ostaggi di Budënnovsk, succedette a Viktor Erin come Ministro degli interni della Federazione Russa. Nell'agosto del 1996 Aleksandr Lebed', che era stato appena nominato segretario del consiglio di sicurezza della Federazione Russa, criticò Kulikov per la disastrosa battaglia di Groznyj e chiese al presidente Boris El'cin di licenziarlo. El'cin rifiutò la richiesta e in ottobre rimosse lo stesso Lebed' dalla sua posizione. Ciononostante Kulikov fu costretto alle dimissioni nel marzo del 1998 insieme a tutto il secondo gabinetto di Viktor Černomyrdin.

Mentre la maggior parte dei ministri del precedente gabinetto furono riconfermati nel governo di Sergej Kirienko, Kulikov non fu riconfermato e fu sostituito da Sergej Stepašin al Ministero degli interni. In seguito, Kulikov è stato eletto nella Duma di Stato per due volte, la prime nelle elezioni legislative del 1999 e la seconda nelle Elezioni parlamentari in Russia del 2003, ed ha fatto parte del partito filo-governativo Russia Unita.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine al merito per la Patria di III Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine al merito per la Patria di III Classe
«"per i servizi resi allo stato, il suo grande contributo personale al rafforzamento della legge e molti anni di coscenzioso servizio agli affari interni"»
— 3 settembre 1996
Ordine d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Ordine d'Onore
«"per la sua attiva partecipazione alle attività legislative e molti anni di coscenzioso lavoro"»
— 16 aprile 2004
Ordine del Coraggio personale - nastrino per uniforme ordinaria Ordine del Coraggio personale
Medaglia commemorativa per il giubileo dei 100 anni dalla nascita di Vladimir Il'ič Lenin - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa per il giubileo dei 100 anni dalla nascita di Vladimir Il'ič Lenin
Ordine del Servizio alla patria nelle forze armate di III Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine del Servizio alla patria nelle forze armate di III Classe
Medaglia per distinzione nella tutela dell'ordine pubblico (Federazione Russa) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per distinzione nella tutela dell'ordine pubblico (Federazione Russa)
Medaglia per il giubileo dei 20 anni della vittoria della grande guerra patriottica del 1941-1945 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per il giubileo dei 20 anni della vittoria della grande guerra patriottica del 1941-1945
Medaglia per il giubileo dei 30 anni della vittoria della grande guerra patriottica del 1941-1945 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per il giubileo dei 30 anni della vittoria della grande guerra patriottica del 1941-1945
Medaglia commemorativa per il 300º anniversario della Marina Militare Russa - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa per il 300º anniversario della Marina Militare Russa
Medaglia commemorativa per l'850º anniversario di Mosca - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa per l'850º anniversario di Mosca
Medaglia del veterano delle forze armate dell'Unione Sovietica - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del veterano delle forze armate dell'Unione Sovietica
Medaglia per il giubileo dei 50 anni delle forze armate dell'Unione Sovietica - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per il giubileo dei 50 anni delle forze armate dell'Unione Sovietica
Medaglia per il giubileo dei 60 anni delle forze armate dell'Unione Sovietica - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per il giubileo dei 60 anni delle forze armate dell'Unione Sovietica
Medaglia per il giubileo dei 70 anni delle forze armate dell'Unione Sovietica - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per il giubileo dei 70 anni delle forze armate dell'Unione Sovietica
Medaglia per servizio impeccabile di I Classe - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per servizio impeccabile di I Classe
Medaglia per servizio impeccabile di II Classe - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per servizio impeccabile di II Classe
Medaglia per servizio impeccabile di III Classe - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per servizio impeccabile di III Classe

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79544289 · ISNI (EN0000 0000 5609 6348 · GND (DE129679089 · WorldCat Identities (EN79544289
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie