Amedeo Agostini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Amedeo Agostini (Capugnano di Porretta Terme, 6 marzo 1892Livorno, 27 giugno 1958) è stato un matematico italiano.

Note biografiche[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1919 si laureò in matematica a Bologna, dove rimase come assistente prima e docente poi di storia della matematica. Dal 1925 insegnò geometria analitica presso l'Accademia Navale di Livorno. Successivamente tenne, per incarico, vari corsi nell'Università di Pisa.

Agostini si occupò principalmente di storia della matematica, indirizzando i suoi studi principalmente su Pietro Mengoli e i primordi della teoria dei limiti.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Le prospettive e le ombre nelle opere di Leonardo da Vinci, 1954
  • Matematica e Matematici nell'Ateneo pisano, 1942
  • Esercizi di geometria analitica (in collaborazione con Enea Bortolotti)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Oscar Chisini: Necrologio, Periodico di Matematiche, (4) 37 (1959), pp. 245-251

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN27058328 · SBN: IT\ICCU\RAVV\044197 · ISNI: (EN0000 0001 1562 8835 · BNF: (FRcb114968177 (data)