Alexandre Herculano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alexandre Herculano

Alexandre Herculano de Carvalho e Araújo (Lisbona, 28 marzo 1810Santarém, 13 settembre 1877) è stato uno scrittore e giornalista portoghese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu tra i maggiori esponenti del romanticismo portoghese, sia come teorico della nuova letteratura (diresse l'influente rivista «O Panorama»), sia come polemista. Viene ritenuto dagli storici della letteratura il padre del romanzo storico del suo Paese, per il quale si ispirò a Walter Scott.[1]

Nacque in una famiglia poco agiata e dovette interrompere gli studi svolti presso gli Oratoriani dopo la morte del padre.

A causa delle sue idee rivoluzionarie fu costretto ad emigrare nel 1831, ma non rinunciò mai ai suoi ideali liberali.[1]

Tra il 1846 e il 1853 pubblicò i 4 volumi della sua Storia del Portogallo (Historia de Portugal), concepita come storia della società e delle istituzioni. Poeta di ispirazione civile e meditativa, Alexandre Herculano ebbe fama soprattutto come autore di romanzi e racconti storici: Il monaco cisterciense (O monge de Cister, 1841), Il giullare (O bobo, 1843), Eurico, il prete (Eurico, o Presbitero, 1844), Leggende e racconti (Lendas e narrativas, 1851), ambientati in un medioevo eroico e drammatico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Le Muse, vol. 5, Novara, De Agostini, 1965, p. 501.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Opere di Alexandre Herculano su Progetto Gutenberg

Controllo di autorità VIAF: (EN2464795 · ISNI: (EN0000 0001 0862 369X · LCCN: (ENn50051418 · GND: (DE11898389X · BNF: (FRcb11886532s (data) · NLA: (EN36515238 · BAV: ADV10199478 · CERL: cnp00544117