Alexander Imich

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alexander Imich (Częstochowa, 4 febbraio 1903) è un parapsicologo, chimico e supercentenario polacco naturalizzato statunitense, di 111 anni e 73 giorni;.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

All'età di 15 anni con la sua classe entrò nelle forze polacche per combattere l'Armata Rossa e liberare la Polonia. Insieme al suo fratello più grande entrò a far parte di una divisione motorizzata guidando i camion fino al fronte dei combattimenti, quando l'Armata Rossa venne sconfitta Imich tornò a scuola.
Nel 1929 ha conseguito il dottorato di ricerca in zoologia a Cracovia all'Università Jagellonica ma non riuscì a trovare una posizione accademica in zoologia quindi passò alla chimica. Negli anni '20 e '30 fece delle ricerche per la Società Polacca per la Ricerca Parapsicologica. Nel 1939 dopo l'Occupazione tedesca della Polonia scappò con la moglie Wela a Białystok, da poco annessa dai sovietici alla RSS Bielorussa dove divenne impiegato in una industria chimica, ma poi la coppia venne internata in un campo di lavoro perché rifiutò la cittadinanza sovietica e venne liberato solo nel 1945. Nel 1945 tornò in Polonia e nel 1953 si trasferì con la moglie a New York, dopo che sua moglie Wela morì si interessò nuovamente in parapsicologia e scrisse in numerose riviste e scrisse anche un libro nel 1995, nel 1999 ha fondato l' Anomalous Phenomena Research Center per far conoscere la parapsicologia e i fenomeni paranormali al grande pubblico. Il 4 febbraio 2013 ha compiuto 110 anni ed è diventato supercentenario.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Incredible Tales of the Paranormal: Documented Accounts of Poltergeist, Levitations, Phantoms, and Other Phenomena, Bramble Co., 1995, ISBN 1883647037

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie