Alessandro Chiappelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alessandro Chiappelli
Alessandro Chiappelli, ante 1896 - Accademia delle Scienze di Torino 0139 B.jpg

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato 22 marzo 1915 –
4 novembre 1931
Legislature XXIV
Gruppo
parlamentare
liberale democratico, poi Unione democratica
Sito istituzionale

Dati generali
Titolo di studio Laurea in lettere e filosofia
Università Università degli Studi di Firenze
Professione Docente

Alessandro Carlo Francesco Roberto Bruno Chiappelli (Pistoia, 20 novembre 1857Firenze, 4 novembre 1931) è stato uno storico, filosofo e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Alessandro Chiappelli

Figlio del fisiologo Francesco Chiappelli, zio del pittore omonimo, si laurea in lettere e filosofia all'istituto superiore di Firenze ed inizia la carriera universitaria a Napoli, dove è stato titolare della cattedra di storia della filosofia e incaricato dell'insegnamento di pedagogia e direttore dell'annesso museo. Ha inoltre insegnato storia delle chiese a Pisa, Bologna e Firenze. È stato membro della Società reale di Napoli, delle accademie dei Lincei di Roma, delle scienze di Torino, pontaniana di Napoli e della Crusca di Firenze. Consigliere comunale a Firenze è stato incaricato di una missione di ricerche e studi negli archivi e biblioteche di Firenze sull'arte fiorentina del Rinascimento e membro della commissione provinciale di Firenze per la conservazione dei monumenti e delle opere d'arte.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Della interpretazione panteistica di Platone, Firenze : Succ. Le Monnier, 1881.
  • La dottrina della realtà del mondo esterno nella filosofia moderna prima di Kant, Firenze, Tip. dell'arte della stampa, 1886.
  • Studi di antica letteratura cristiana, Torino, Loescher, 1887.
  • Darwinismo e socialismo, Roma, Forzani e C. Tipografi del Senato, 1895.
  • Saggi e note critiche, Bologna, Ditta Nicola Zanichelli, 1895.
  • Il socialismo e il pensiero moderno, Firenze, Succ. Le Monnier, 1897.
  • Giacomo Leopardi e la poesia della natura, Roma, Società editrice Dante Alighieri,, 1898.
  • Leggendo e meditando. Pagine critiche di arte, letteratura e scienza sociale, Roma, Società editrice Dante Alighieri, 1900.
  • Nuove pagine sul cristianesimo antico, Firenze : succ. Le Monnier, 1902.
  • Pagine d'antica arte fiorentina, Firenze, Lumachi, 1905.
  • Dalla critica al nuovo idealismo, Torino, Bocca, 1910.
  • Pagine di critica letteraria, Firenze, Le Monnier, 1911.
  • Idee e figure moderne, 2 voll., Ancona, G. Puccini e figli, 1912-1913.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro
Ufficiale dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro
Commendatore dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro

Archivio personale[modifica | modifica wikitesto]

La Biblioteca Umanistica dell'Università degli studi di Firenze conserva un Fondo archivistico intitolato ad Alessandro Chiappelli[1] Le carte d'archivio di Chiappelli sono conservate in 21 contenitori e articolate in serie[2]: filosofia generale; filosofia antica; filosofia moderna; storia dell'arte ed estetica; storia antica; scritti commemorativi; politica; letteratura; scritti sul socialismo; scritti su Pistoia; religione; scritti diversi; epistolario; testi a stampa e materiali diversi.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Archivi della Biblioteca Umanistica., su sba.unifi.it. URL consultato il 30 novembre 2021.
  2. ^ Fondo Alessandro Chiappelli, su archivi.unifi.it. URL consultato il 30 novembre 2021.
  3. ^ Per approfondimenti si rimanda a: Bazzani Fabio e Olivieri Anna (a cura di), Catalogo del Fondo Alessandro Chiappelli, Firenze, Accademia toscana di scienze e lettere "La Colombaria", 1991.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN42229206 · ISNI (EN0000 0000 8121 3980 · SBN RAVV065773 · BAV 495/74298 · LCCN (ENn86095978 · GND (DE1055156682 · BNE (ESXX1245653 (data) · BNF (FRcb105654237 (data) · J9U (ENHE987007431542205171 · NSK (HR000332342 · CONOR.SI (SL223333731 · WorldCat Identities (ENlccn-n86095978