al-Nayrizi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Abū l-ʿAbbās al-Faḍl ibn Ḥātim al-Nayrīzī, detto al-Nayrīzī (in arabo: ﺍﺑﻮ ﺍﻟﻌﺒﺎﺱ ﺍﻟﻔﻀﻞ ﺑﻦ ﺣﺎﺗﻢ ﺍﻟﻨﻴﺮﻳﺰﻱ‎; Nayrīz, 865922), è stato un astronomo e matematico persiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Autore di un commentario sulla traduzione araba degli Elementi di Euclide approntata da al-Ḥajjāj b. Yūsuf b. Maṭar, tradotto poi in latino da Gherardo da Cremona. In esso egli conservò alcuni estratti di commentari di Erone di Alessandria e di Simplicio.

Sono andati perduti i suoi due suoi Zīj e un commentario dell'Almagesto di Claudio Tolomeo, ma sono sopravvissuti suoi studi sulla sfera armillare e sulle congiunzioni astrologiche.

Fu conosciuto in Occidente col nome di Anaritius.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fuat Sezgin, GAS, V, p. 283: VI, pp. 191-2; VII, pp. 156, 268-9.
  • Lemma «al-Nayrīzī» (J. P. Hogendijk), su: The Encyclopaedia of Islam, new edition.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79255430 · ISNI (EN0000 0003 7400 2589 · LCCN (ENnr95002413 · GND (DE101243030 · BNF (FRcb15001512g (data) · CERL cnp00187986 · WorldCat Identities (ENnr95-002413