Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Akio Nakamori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Akio Nakamori (中森 明夫 Nakamori Akio?) (Prefettura di Mie, 1º gennaio 1960) è un giornalista ed editore giapponese. È conosciuto per aver reso noto il termine otaku. Il suo vero nome è Ansaku Shibahara (柴原 安作 Shibahara Ansaku?).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver lasciato l'Università Meiji di Nakano, si è laureato alla Wako University di Tokyo.

Nel 1982, insieme a Yuichi Endo, ha lanciato il Club Otona a Tokyo.

Nel 1983 si è occupato della subcultura degli otaku, con una indagine pubblicata dalla rivista Manga Burikko. Il saggio rese noto al grande pubblico il fenomeno e il termine otaku.

Nel 1989 ha scritto un saggio sul serial killer Tsutomu Miyazaki, intitolato M no jidai (Mの時代?).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Otaku no kenkyū (『おたく』の研究? "Indagine sugli otaku"), Tokyo, Manga Lolicon Burikko, 1983.
  • M no jidai (Mの時代? "L'epoca di M"), 1989.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN111149065
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura