Agostino Pepoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Agostino Sieri Pepoli

Il conte Agostino Sieri Pepoli (Trapani, 5 agosto 1848Trapani, 21 marzo 1910) è stato un letterato e mecenate italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Agostino Maria Alberto Sieri Pepoli era figlio di Riccardo Sieri Pepoli, della famiglia nobiliare dei Sieri Pepoli, che nel 1827 fu sindaco di Trapani, e di Elisabetta Alagna[1]. La famiglia, proprietaria di saline a Trapani, promosse l'ospizio Sieri Pepoli, e a Erice costruì la Torretta Pepoli e ristrutturò il Castello del Balio.

La Torretta Pepoli a Erice

Agostino studiò a Palermo e a Siena e viaggiò molto per l'Europa per dedicarsi ai suoi grandi interessi, l'arte e la cultura. Intorno alla fine del secolo visse a lungo a Bologna, dove acquistò da Ferdinando Pepoli l'archivio della famiglia e parte del palazzo Pepoli,[2] che lasciò in eredità al comune di Bologna, insieme alla collezione di oggetti d'arte del primo piano, per un futuro museo Pepoli[3]

Con la sua collezione privata fondò a Trapani nel 1906 il Museo Regionale Pepoli[4], anche con le opere d'arte ereditate da Michele Sieri Pepoli, fratello del padre.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Mercedes, opera lirica in musica, 1884
  • Documenti storici del secolo XIV estratti dal Regio Archivio di Stato fiorentino, Tipografia Galletti e Cocci, Firenze, 1884
  • Sul vero sigillo del Comune di Castiglione, Tipografia Galletti e Cocci, Firenze, 1884
  • Antichi bolli figulini e graffiti delle sacerdotesse di Venere ericina rinvenuti in Monte San Giuliano, Tipografia Galletti e Cocci, Firenze, 1885

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Valeria Roncuzzi Roversi Monaco, Sandra Saccone, Frammenti di un museo disperso - il collezionista Agostino Sieri Pepoli e la ricostruzione della sua raccolta bolognese di stampe e disegni, Bologna, Arts & Company, 1994
  • Maria Luisa Famà, Agostino Sieri Pepoli, mecenate trapanese del tardo Ottocento, Trapani, Regione Siciliana, 2004

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN15578936 · ISNI (EN0000 0000 6119 4946 · SBN CFIV280250 · LCCN (ENnr95044128 · GND (DE119380072 · WorldCat Identities (ENlccn-nr95044128