Acquedotto romano di Venafro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Acquedotto romano di Venafro
CiviltàRoma
EpocaII secolo a.C
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneVenafro
Amministrazione
Responsabilecomune di Venafro, museo archeologico di Venafro
Visitabile

L'acquedotto romano di Venafro è un acquedotto di epoca romana, risistemato in epoca augustea, ma già esistente in precedenza.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'acquedotto captava le acque dalla sorgente del fiume Volturno e le distribuiva lungo un percorso di circa 30 km alle ville del territorio e alla città di Venafro.

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Il condotto, che seguiva un percorso a mezza costa dei rilievi, con una pendenza costante dell'1%, era realizzato in opera cementizia con interno rivestito da intonaco (larghezza di 65 cm e altezza di 160 cm).

Nel Museo archeologico di Venafro si conserva un'epigrafe di epoca augustea, redatta tra il 17 e l'11 a.C ("Tavola delle acque") con il regolamento d'uso delle acque captate[1][2].

Resti del condotto sono stati rinvenuti presso Colli a Volturno, Montaquila, nella frazione di Santa Maria Oliveto, sotto la chiesetta di Santa Lucia[3], e nel capoluogo comunale di Pozzilli

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pagina sul Museo archeologico di Venafro sul sito della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Molise
  2. ^ CIL X, 4842
  3. ^ Si conservano due tratti di qualche decina di metri, separati da un'interruzione in corrispondenza di un vallone, il primo in galleria e il secondo costruito in muratura.