Acqua sulfurea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le acque sulfuree (o solfuree) sono tipi di acque che possiedono una quantità pari o superiore ad 1 mg di H2S per litro, il quale ne conferisce il classico odore, spesso definito “di uovo marcio”. Si formano negli strati profondi della Terra in condizioni con temperature elevate, tendendo poi a risalire sotto forma di vapore (che può condensare formando un geyser) o come acqua calda.

Sono frequenti nelle aree interessate da attività vulcanica secondaria.[1]

Effetti sulla salute[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Acque termali di Sasso Pisano

Il loro utilizzo nelle terapie come i bagni, (ad esempio nell'idroterapia) è noto da secoli, e considerato valido rimedio per difendere l'organismo da stimoli infiammatori endogeni o infiammatori esterni, mentre se ingerita provoca un'azione modicamente lassativa sull'apparato digerente. In Italia le acque minerali solfuree hanno quasi sempre pH inferiore ad 8[2] e sovente contengono altri elementi, come anidride carbonica, calcio, sodio, alcuni cloruri, ioduri, bromuri o bicarbonati. i trattamenti vengono effettuati presso numerosi stabilimenti termali, sia tramite trattamenti interni, come le cure idropiniche, le irrigazioni e l'aerosol, sia tramite trattamenti esterni, come i bagni termali o i fanghi.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Medicina termale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ sulfuree, acque, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  2. ^ http://www.benessere.com/terme/acqua/a_solfuree.htm www.benessere.com

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Centro di Ricerche in Bioclimatologia Medica, Biotecnologie e Medicine Naturali dell'Università degli Studi di Milano [1] Archiviato il 9 ottobre 2010 in Internet Archive.