Académie Saint-Anselme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
L'ingresso della sede a Gressan.

L'Académie Saint-Anselme è un'associazione culturale valdostana ispirata da Anselmo di Aosta e fondata nel 1855.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

La « Société académique religieuse et scientifique de l'ancien duché d'Aoste, sous la protection de saint Anselme, archevêque de Cantorbéry et docteur de l'Église » o Académie Saint-Anselme, è un'associazione culturale fondata il 29 marzo 1855 dal priore Jean-Antoine Gal che assume la funzione di presidente fino al 1867, e da altre personalità culturali di spicco valdostane, tra cui Georges Carrel. L'obiettivo dei fondatori, fissato nello statuto aggiornato nel 1968, era « la diffusione della conoscenza delle tradizioni religiose e civili del patrimonio linguistico e culturale e la valorizzazione delle immense ricchezze archeologiche e artistiche ».

Sede[modifica | modifica wikitesto]

La sede si trovava a Aosta in due sale del capitolo della Cattedrale di Aosta messe a disposizione dal vescovato a partire dal 1870. Nel 2009 è stata spostata nella Tour de Saint-Anselme, in località La Bagne 15 a Gressan.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

L'attività dell'Académie Saint-Anselme si concretizza nell'organizzazione di conferenze, e, ogni due anni, dalla pubblicazione di un bollettino che, nel 1982, ha terminato la vecchia serie con il 50° numero, inaugurando la nuova serie nel 1985.

Una nuova serie di scritti di storia, letteratura e arte è stata inaugurata nel 1999 con quattro tomi dedicati alla corrispondenza del vescovo di Aosta Albert Bailly, e un altro dedicato al messale di Charvensod.

La biblioteca dell'Académie comprende 15.000 pubblicazioni e un museo che conserva pezzi di prestigio dell'antichità e del Medioevo. Una parte della collezione, attualmente non fruibile, sarà ospitata nel museo in allestimento al castello di Aymavilles[1].

Lista dei presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Il castello di Aymavilles. Le projet pour le musée, dépliant a cura della Regione Valle d'Aosta - Assessorato alla cultura, www.comune.aymavilles.ao.it. Consultato il 24 agosto 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Abbé Joseph-Marie Henry, Histoire de la Vallée d'Aoste, Imprimerie Marguerettaz, Aoste, 1929.
Valle d'Aosta Portale Valle d'Aosta: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Valle d'Aosta