Abdelmalek Sayad

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Abdelmalek Sayad (Beni Djellil, 1933Parigi, 13 marzo 1998) è stato un sociologo e filosofo algerino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Cabilia, terzo di cinque figli e unico figlio maschio della famiglia, era molto legato all'Algeria natale. Nel 1963 si trasferì in Francia, dove è stato direttore di ricerca al CNRS e al EHESS, assistente di Pierre Bourdieu (che aveva conosciuto ai tempi dell'università di Algeri),è noto soprattutto per gli studi sull'immigrazione.

Nel 2006 le sue carte sono state donate dalla vedova, Rebecca Sayad, alla "Cité nationale de l'histoire de l'immigration" (Parigi).

Il pensiero[modifica | modifica wikitesto]

È stato uno dei primi a guardare al fenomeno dell'immigrazione come fatto sociale totale, non soltanto legato in termini economici di costi e vantaggi.

Al centro della sua analisi, la questione emigrante-immigrato è vista come risultato di due sistemi interagenti: quello legato a variabili d'origine (sociali, ossia le competenze che il soggetto svolge prima dell'emigrazione) e quello che dipende dalle variabili d'arrivo (ciò che nella società francese determina il destino del soggetto), in una prospettiva diacronica (storica) e sincronica (presente o addirittura atemporale), toccando i temi importanti della colonizzazione e della decolonizzazione dell'Algeria.

Altri temi che tocca la sua ricerca sono la paura del clandestino come criminale, il nazionalismo, la migrazione come colpa, il disambientamento e le politiche di inclusione, l'iper-correttezza sociale (che si traduce in neutralità politica), la sottomissione, la militarizzazione delle frontiere, la costruzione del nemico definito da caratteri etnici ecc.

A lui è dedicato il n. 341 di "aut aut", gennaio-marzo 2009 ISBN 9788842815914, con articoli di Pier Aldo Rovatti, Abdelmalek Sayad, Ahmed Boubeker, Yassine Chaïb e Davide Durì, ma sono collegati anche gli articoli di Jean-Luc Nancy e Judith Butler.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • (con Pierre Bourdieu), Le Déracinement : La crise de l'agriculture traditionnelle en Algérie, Paris, Les Éditions de Minuit, 1964
  • L'immigration, ou les paradoxes de l'altérité, De Boeck Université, 1992
  • (con Éliane Dupuy), Un Nanterre algérien, terre de bidonvilles, Autrement, 1998
  • (con Alain Gillette), L'immigration algérienne en France, Paris, Entente, 1976 (con lo pseudonimo Malek Ath-Messaoud), 1998 (a nome proprio)
  • La double absence. Des illusions de l'émigré aux souffrances de l'immigré. Paris, Éditions du Seuil, 1999
    • La doppia assenza. Dalle illusioni dell'emigrato alle sofferenze dell'immigrato, a cura di Salvatore Palidda, Milano, Raffaello Cortina, 2002 ISBN 88-7078-759-1
  • Prefazione a Yassine Chaïb, L'emigré et la mort: la mort musulmane en France, Aix-en-Provence, Edisud, 2000
  • Histoire et recherche identitaire suivi de Entretien avec Hassan Arfaoui, Bouchène, 2002
  • Algeria: nazionalismo senza nazione, a cura di Salvatore Palidda e Nino Recupero, Messina, Mesogea, 2003 ISBN 88-469-2027-9
  • L'immigration ou les paradoxes de l'altérité. 1. L'illusion du provisoire, Paris, Raisons d'agir, 2006
    • L'immigrazione o i paradossi dell'alterità. L'illusione del provvisorio, trad. Sara Ottaviani, Verona, Ombre Corte, 2008 ISBN 978-88-95366-10-4
  • L'immigration ou les paradoxes de l'altérité. 2. Les enfants illégitimes, Paris, Raisons d'agir, 2006
  • L'immigration ou les paradoxes de l'altérité. 3. La fabrication des identités culturelles, Paris, Raisons d'agir, 2014
  • Association des amis d'Abdelmalek Sayad (a cura di), Actualité de la pensée d'Abdelmalek Sayad, Casablanca, Éditions Le Fennec, 2010
  • Yacine Tassadit, Yves Jammet e Christian de Montlibert, Abdelmalek Sayad; la découverte de la sociologie en temps de guerre, Nantes, Éditions Nouvelles Cécile Defaut, 2013
  • Christian de Montlibert, Les souffrances de l'émigré, les souffrances de l'immigré, Koinonikes Epistimes / Social Science, n. 2., 2013
  • Abdelmalek Sayad, Ahmed Boubeker e Abdellali Hajjat, Abdelmalek Sayad: per una teoria postcoloniale delle migrazioni, a cura di Gennaro Avallone e Salvo Torre, Catania, Il Carrubo, 2013 ISBN 978-88-98352-00-5
  • L'école et les enfants de l'immigration, Paris, Seuil, 2014

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN71397401 · ISNI (EN0000 0001 1827 6126 · LCCN (ENn84223159 · GND (DE129715352 · BNF (FRcb11923876f (data) · BNE (ESXX1207903 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n84223159