Abbazia di Summaga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Abbazia di Santa Maria Maggiore di Summaga
ChiesaSummaga.JPG
La chiesa dell'antica abbazia
StatoItalia Italia
RegioneVeneto
LocalitàSummaga presso Portogruaro
Religionecattolicesimo
TitolareMaria
Diocesi Concordia-Pordenone
Consacrazione1211
Stile architettonicoromanico
Inizio costruzioneX-XI secolo

L'abbazia di Santa Maria Maggiore di Summaga è un monastero localizzato a Summaga, una frazione distante circa 3 km da Portogruaro in provincia di Venezia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'abbazia fu fondata tra il X e l'XI secolo per volere dei vescovi di Concordia.

Dell'antico monastero rimane ora solo la chiesa a pianta longitudinale, a tre navate concluse da tre absidi. La sua costruzione risale al 1211, con rifacimento della facciata nel Settecento. Degli altri edifici che componevano il monastero non rimane traccia, anche se documenti ne attestano la presenza fino al XVI secolo.

Dal 1444 non è più attesta la presenza di monaci benedettini, per cui l'ingente patrimonio fondiario fu gestito da vari abati commendatari, che generalmente appartenevano alle più importanti famiglie veneziane.

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Gli affreschi all'interno sono di particolare interesse artistico per l'arte romanica del Veneto e del Friuli. Quelli del sacello, risalenti all'XI-XII secolo, raffigurano la Redenzione, Il peccato Adamo ed Eva, Il castigo di Adamo ed Eva, la Crocifissione ed il Giudizio universale.

Gli affreschi dell'abside centrale raffigurano all'apice laVergine con Gesù bambino entro mandorla sostenuta da quattro angeli, mentre ai lati vi sono le raffigurazioni simboliche dei quattro evangelisti e le figure di due santi sconosciuti. Nella parte inferiore si può ammirare Cristo con i dodici Apostoli. Nel registro inferiore e rappresentata la Parabola evangelica delle vergini sagge e delle vergini stolte, sfortunatamente molto deteriorata.

Abati commendatari[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]