Abbazia di Sant'Eustachio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Abbazia di Sant'Eustachio
Abbazia.jpg
Ciò che resta dell'abbazia: le rovine della chiesa.
StatoItalia Italia
RegioneVeneto
LocalitàNervesa della Battaglia
Religionecristiana cattolica di rito romano
OrdineBenedettini
Diocesi Treviso
FondatoreRambaldo III di Collalto
Gisla

Coordinate: 45°49′26.49″N 12°11′38.08″E / 45.824024°N 12.19391°E45.824024; 12.19391

L'abbazia di Sant'Eustachio era un monastero benedettino soppresso nel Cinquecento e oggi in rovina. I resti sorgono sulle pendici del Montello, in comune di Nervesa della Battaglia.

Nelle immediate vicinanze dell'Abbazia si trova il Sacrario del Montello, monumento dedicato ai caduti della prima guerra mondiale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dalla fondazione alla soppressione del monastero[modifica | modifica wikitesto]

Come testimonia una bolla di papa Alessandro II del 1062, l'abbazia di Sant'Eustachio fu fondata da Rambaldo III di Collalto e dalla madre Gisla. I Collalto, famiglia di stirpe longobarda, avevano da poco perso la propria influenza su Treviso a favore del vescovo locale, il cui potere si espandeva di anno in anno sia dal punto di vista religioso che temporale. Così facendo, quindi, essi contrapponevano a questa autorità un'istituzione indipendente e direttamente sottoposta al pontefice, il quale pure non vedeva di buon occhio l'espansione dei vescovi trevigiani, sostenitori dell'imperatore.

Dalla prepositura ad oggi[modifica | modifica wikitesto]

Tra il Cinquecento e il Seicento l'abbazia divenne un importante polo culturale. Qui vennero ospitati, tra gli altri, Pietro Aretino, Giovanni Della Casa (che vi compose il noto Galateo) e Gaspara Stampa.

Tra il 1744 e il 1819, il complesso fu guidato dal preposito Vinciguerra VII di Collalto, uomo colto e capace che lo trasformò in un'importante azienda agricola retta da esperti e studiosi. Fu grazie a lui che la prepositura sopravvisse alle soppressioni napoleoniche di inizio Ottocento, che invece colpirono la vicina certosa di San Girolamo.

In seguito, tuttavia, le autorità ecclesiastiche giudicarono inutile e obsoleta questa istituzione e, nel 1865, essa venne definitivamente soppressa, trasferendo il titolo di abate al vescovo di Treviso.

Dopo la Rotta di Caporetto, l'edificio si ritrovò in prossimità del fronte del Piave e subì pesanti danneggiamenti. Le rovine, lasciate all'incuria, sono state di recente rivalorizzate grazie ai finanziamenti dell'Unione europea.

L'abbazia di Sant'Eustachio subisce due restauri, una in parte restaurata nel 1992 e un secondo massiccio restauro nel 2017 e terrà conto di nuovi rilievi archeologici: il recupero di pavimentazioni, sepolture e muri riscoperti durante gli scavi; verrà inoltre predisposta la ricostruzione, su fonti documentarie, della torre d'ingresso e l'integrazione, su basi archeologiche di parte delle strutture conventuali[1]. Il restauro si conclude a marzo del 2018[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pier Angelo Passolunghi, Il monachesimo benedettino della Marca Trevigiana, Treviso, 1980.
  • Barbara Frate - Paola Amadio, L'Abazia S. Eustachio di Nervesa, Canova, Treviso, 1994.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]